€ 12.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Poesie

Poesie

di P. Paolo Pasolini

4.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
Nel 1970 Pier Paolo Pasolini curò personalmente un volume di "poesie vecchie" tratte da "Le ceneri di Gramsci" (1957), "La religione del mio tempo" (1961) e "Poesia in forma di rosa" (1964). Considerava questa scelta come "un atto conclusivo di un periodo letterario per aprirne un altro" e su richiesta di Livio Garzanti ne scrisse l'introduzione, intitolandola "Al lettore nuovo". L'antologia - qui riedita integralmente con l'aggiunta di una breve nota proponeva un volume di poesie a sei anni di distanza dall'ultima raccolta pubblicata.

Note su Pier Paolo Pasolini

Pier Paolo Pasolini nacque a Bologna il 5 marzo 1922. Considerato uno dei più importanti intellettuali italiani del dopoguerra, la sua eccezionale versatilità gli ha concesso di fornire il proprio contributo personale nello sviluppo della cultura in differenti ambiti. E’ stato giornalista, scrittore, poeta, regista, sceneggiatore, attore e paroliere. Trascorse l’infanzia seguendo il padre, militare di carriera, nei suoi numerosi trasferimenti. Studiò a Bologna dove frequentò il Liceo Classico “Galvani” per poi iscriversi alla facoltà di Lettere dell’Università di Bologna, dove si laureò nel 1945, lo stesso anno in cui venne ucciso suo fratello Guido durante uno scontro a fuoco tra partigiani di diverso orientamento politico. Le prime poesie, che scrisse tra il 1941 e il 1942, vennero pubblicate a sue spese nel volume intitolato “Poesie a Casarsa”. Nel 1947 si iscrisse al Partito Comunista e iniziò ad insegnare a Casarsa, ma un discusso episodio di omosessualità, che sfociò in un processo per corruzione di minori, causò il suo allontanamento dall’insegnamento e dal partito. Nel 1949, in seguito allo scandalo, si trasferì a Roma dove apprese il dialetto romano e scoprì quel mondo proletario che gli ispirò i suoi primi romanzi “Ragazzi di vita” (1955) e “Una vita violenta” (1959). Pasolini vedeva il mondo dei sottoproletari come la risposta al capitalismo, da lui considerato la fonte dei problemi dell’individuo. In questo periodo conobbe Penna, Gadda, Moravia e Fellini. Si dedicò al giornalismo e scrisse numerose poesie e romanzi. Con la raccolta di poesie “Le ceneri di Gramsci”, del 1957, vinse il Premio Viareggio. Seguendo il modello dell’amico Fellini, per raggiungere un pubblico più vasto decise di occuparsi di cinematografia. Collaborò ad alcune sceneggiature, tra cui quella de “Le notti di Cabiria”, dello stesso Fellini. Con il film “Accattone”, del 1961, iniziò la proficua attività di regista. Diresse numerosi film, tra cui “Uccellacci e Uccellini” (1966), “Edipo Re” (1967), “Teorema” (1968), “Medea” (1969), “Il Decameron” (1971), “Salò o le 120 giornate di Sodoma” (1975). Per i giudizi lapidari ed estremi che espresse nelle sue opere, Pasolini fu aspramente criticato sia dalla destra sia dalla sinistra. Subì anche processi e condanne che gli valsero la fama di intellettuale ribelle. Fu un attento osservatore della storia e di come stava cambiando la società italiana in quegli anni. Morì assassinato ad Ostia il 2 novembre del 1975, in circostanze oscure. 

Altri utenti hanno acquistato anche:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Poesie e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Poesie., 25-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Silloge di componimenti dell'ultimo Pasolini, quello più compiutamente poeta nella sua complessa e molteplice attività, prima ancora che cineasta, narratore, drammaturgo e saggista, il ruolo di poeta è quello centrale, anzi primario non solo in ordine cronologico. Basterebbe rileggersi questi versi per ritrovare in nuce temi, ispirazioni e spunti che saranno ripresi negli altri campi della sua attività sino alla fine (e oltre si pensi al postumo "Petrolio") .
Bisogna aggiungere che le prime prove dal poemetto "Le Ceneri di Gramsci" che è del 1954 fino alla sezione intitolata "Una disperata vitalità" che è del 1964 contengono versi bellissimi, che reggono al tempo e che assicurano alla produzione poetica di Pasolini un ruolo di primo piano non solo nel panorama di quegli anni, ma di tutto il Novecento. Sono versi completamente slegati e avulsi dal corso che stava prendendo la poesia italiana in quel decennio, in un certo senso "inattuali" rispetto ai contemporanei si pensi al recupero della terzina, di un sistema (benché parziale) di metri e di rime, per non parlare dell'assenza di riferimenti tanto all'ermetismo, quanto alla parola pura, quanto sul versante opposto alle avanguardie. Eppure avendo solo una lontana ascendenza musicale alla Penna o alla Caproni, per cosi dire, in chiave prosaica la poesia di Pasolini si pone ai maggiori livelli di tutta la nostra letteratura novecentesca proprio per il suo fraseggiare musicale. Quanto ai temi presenti con forza, c'è da dire che certi squarci su Roma sono straordinari, se non altro perché si è reinventato una città cantata da secoli con uno sguardo, al tempo stesso, soggettivo e oggettivo, visionario e minimalista, lucido e accorato, corale e intimo. Anche il confronto con la storia passata e presente tocca corde che non si possono non considerare come tra le più intense del suo tempo. Eppure questa stagione poetica dura una decina d'anni e non di più. Altre per fortuna sarebbero state le strade percorse da lui. Quella poetica si esaurisce, o peggio: si essicca come un fiume evaporato tra le pietre bruciate del deserto. Resiste ancora un tono leggero che non gli si addice o una polemica che cede al clima dell'epoca, quella sbornia ideologica di poeti digiuni di politica e che pretendevano di condizionare le scelte politiche del loro campo, smarrendo gli accenti personali a lui più adatti. Quando Pasolini si confà ai dettami delle neoavanguardia più di quanto volesse non convince, anzi fa quasi tenerezza. Poeta albatro come pochi le sue movenze in mezzo alla ciurma di ammutinati sono ormai più che ridicole: illeggibili.
Ritieni utile questa recensione? SI NO