Il piccolo Adolf non aveva le ciglia

Il piccolo Adolf non aveva le ciglia

4.5

di Helga Schneider


  • Prezzo: € 10.00
Fuori catalogo - Non ordinabile

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

È il 1997 e Grete festeggia i suoi ottant'anni, una vita lunga e ricca di affetti. Ma è impossibile dimenticare il terribile sopruso subito tanti anni prima: l'infanzia felice, il lavoro d'impiegata alla Gestapo, il matrimonio con un uomo importante dell'aristocrazia hitleriana, la gravidanza, la separazione forzata dal bambino e la sua ricerca disperata... Una tragica esperienza che porterà Grete a prendere consapevolezza della reale natura del nazismo.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Helga Schneider:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.7 di 5 su 3 recensioni)

4.0Un libro che colpisce, 01-05-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Io adoro lo stile di scrivere della Schneider, semplicemente è cosi ed è meraviglioso, anche se i suoi libri trattano di argomenti "scomode" e dolorosi della storia dell'Umanità. Un romanzo sottile che "pesa" un quintale. Nonostante tanti libri scritti sul tema del nazismo e sulla sistematica uccisione degli ebrei mi mancava questo tema osceno e terribile. Nemmeno i bambini degli ariani, se "imperfetti" venivano risparmiati.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Una piccola vita, una piccola vittima., 25-09-2011, ritenuta utile da 7 utenti su 8
di - leggi tutte le sue recensioni
La biografia di quella Germania che diede il proprio consenso all'ascesa di un partito criminale, fondato su una politica di perfezzione assoluta della razza umana e di false promesse e speranze. Una Germania che si accorse troppo tardi dell'errore commesso e che ne pago' le conseguenze e che le paga ancora ad oggi. Una politica fondata su un razzismo assoluto che discriminava anche la propria donna che il regime voleva poco colta, perfettata casalinga e madre di numerosi pezzi utili per la vittoria finale da allevare come cavalli di pura razza. Un bambino nasce non perfetto definito difettato, una vita indegna di vita, e come lui anche uomini e donne malati, invalidi, alcolisti e soldati tornati difettati dal fronte di guerra. Un genocidio di massa di ariani perpetrato da ariani, un progetto di Stato, una forma di caritatevole umanita' che gassava e bruciava il proprio popolo guasto per lasciare spazio alla razza perfetta destinata a dominare il mondo. Una Germania consapevole dei criminali che la padroneggiavano provando sulla propria pelle la folle barbarie nazista, praticamente inerme ed impossibilitata a sollevare obiezioni, a soverchiare quel regime che la porto' alla catastrofe completa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Tedeschi non conformi, 23-03-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Helga Schneider ha il pregio di far vedere, coi suoi romanzi, il lato terribile del Nazismo non solo nei confronti degli ebrei, ma anche verso i propri cittadini, qualora non perfettamente allineati agli ideali di purezza e fedeltà.
Il libro è una pagina dolorosa della storia tedesca in cui i protagonisti vedono finalmente la reale crudeltà del regime che li governa.
Uno dei libri più riusciti dell'autrice, una buona opera che merita una lettura.
Ritieni utile questa recensione? SI NO