€ 10.25€ 10.90
    Risparmi: € 0.65 (6%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
I piccoli maestri

I piccoli maestri

di Luigi Meneghello

4.5

Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Luigi Meneghello ha recentemente lasciato Londra, dopo oltre mezzo secolo di vita e lavoro in Inghilterra. Nei suoi libri ha registrato in chiave ironica e poetica le "memorie di un italiano" del suo e nostro tempo. Nell'ambito di questo progetto, questo testo registra l'esperienza personale e collettiva della Resistenza e della guerra civile in chiave pungentemente anti-retorica e antieroica.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 2 recensioni)

5.0Uno dei libri migliori che abbia letto, 22-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
La resistenza raccontata senza peli sulla lingua, senza retorica e manicheismo. E poi la scrittura: gran lavoro di finitura, con periodi che terminano e ti lasciano a bocca aperta per la loro caratura (quella che chiude il romanzo è paradigmatica) . Facile accostare Meneghello a Fenoglio, non solo per l'argomento trattato, ma a mio giudizio molti di più per l'uso della lingua, una specie di italianizzazione del dialetto veneto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0L'avventura della resistenza, 29-10-2008, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Da Libera nos a Malo a I piccoli maestri c'è una frattura che si stenta a comprendere. L'autobiografia di Meneghello prosegue infatti con il periodo bellico e in particolare con quello della Resistenza, sulla quale è imperniato pressoché totalmente il libro.
Non è che ci si trovi davanti a qualche cosa di scritto grossolanamente, tipo il diario di un partigiano di modesta cultura, ma è il punto di vista che dovrebbe subire una svolta che però non si verifica.
Certo, l'aver messo mano a quest'opera a distanza di tempo ha smussato tensioni, ha spuntato acuti, ma francamente, se il ricorso a una certa ironia appare sovente misurato, in alcuni punti travalica i confini della logica, trasformando fatti in avventure quasi picaresche.
La guerra partigiana, affrontata da giovani inesperti come un gioco, non riesce a trasmettere le sensazioni di inevitabili amarezze che la realtà provocherà nell'autore e nei suoi amici.
Il tono volutamente leggero, a tratti goliardico, non permette infatti di comprendere appieno la maturazione di questo gruppo di studenti, a loro modo indipendenti e autonomi in un contesto di un conflitto aspro, sanguinoso, proprio di una guerra civile.
E se è possibile capire la ratio che impone il ricorso ad azioni nell'ottica di limitare le quasi certe conseguenze sulla popolazione amica, tuttavia appare poco comprensibile il discorso della crescita umana e civile di questi combattenti.
Pur restando una testimonianza preziosa della guerra per bande nel vicentino, mi sembra che questa volta qualche cosa non abbia funzionato nell'ingegno narrativo dell'autore e che quel volere smussare a tutti i costi i contorni dei fatti abbia finito con il renderli, anziché più reali e veritieri, come doveva essere nelle intenzioni, degli eventi il cui livello di credibilità viene più volte messo in discussione.
Non è che manchino pagine e descrizioni di accadimenti che di per sé sono notoriamente tragici, ma il raccontarli, alleggerendo troppo la tensione, finisce con lo sminuirli e può dare un'errata visione di quello che fu la resistenza.
I piccoli maestri è senz'altro un romanzo minore di Meneghello, anche dal punto di vista stilistico, con una certa inclinazione all'estetismo quasi fine a se stesso.
Ciò non toglie che meriti di essere letto, ma certo non ci si può attendere l'esemplare prova di equilibrio di Libera nos a Malo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO