Piazza del Gesù. La Democrazia Cristiana negli anni Ottanta: un diario politico

Piazza del Gesù. La Democrazia Cristiana negli anni Ottanta: un diario politico

3.0

di Giuseppe Sangiorgi


  • Prezzo: € 25.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

In questo libro Giuseppe Sangiorgi, uno dei più stretti collaboratori di Ciriaco De Mita nel periodo in cui l'uomo politico irpino fu prima segretario della Democrazia cristiana e poi presidente del Consiglio, racconta che cosa furono il potere e la politica nell'Italia degli anni Ottanta. Vengono così riletti molti avvenimenti fondamentali della storia più recente del nostro Paese che ebbero per protagonisti personaggi noti e meno noti della Prima repubblica: la tentata vendita della Sme a Carlo De Benedetti, l'uccisione del generale Dalla Chiesa, la crisi del Banco Ambrosiano, le aspre contese per la leadership all'interno dello scudo crociato, il legame creatosi tra politica e informazione, i retroscena che hanno segnato l'ascesa di Silvio Berlusconi.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro

  • Titolo: Piazza del Gesù. La Democrazia Cristiana negli anni Ottanta: un diario politico
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Le scie
  • Data di Pubblicazione: marzo 2005
  • ISBN: 8804538996
  • ISBN-13: 9788804538998
  • Pagine: 765
  • Reparto: Politica e società > Politica

Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)

3.0Piazza del Gesù, 28-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Nel 1982 De Mita diventa segretario della DC, e Sangiorni ne è prima portavoce e poi capo segreteria. Nel 1988 De Mita diventa capo del governo e Sangiorgi diventa direttore de "il Popolo", il giornale di partito. L'anno dopo De Mita perde la segreteria e il governo e Sangiorgi la direzione. Infatti, premette l'autore: "Questo diario inizia salendo le scale di piazza del Gesù la mattina di giovedì 17 giugno 1982 e finisce scendendo l scale di palazzo Chigi la sera di sabato 22 luglio 1989". Al racconto di questi sette anni della nostra storia non si può dunque negare un indubbio valore di testimonianza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO