€ 16.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Peter Pan-Peter Pan nei giardini di Kensington-Peter e Wendy

Peter Pan-Peter Pan nei giardini di Kensington-Peter e Wendy

di James M. Barrie

4.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
"Quando la prima volta, bambinotto già incrinato di voce, lessi Peter Pan di J. M. Barrie, me ne invaghii in modo insensato e furibondo; quando seppi abbastanza inglese, fu tra i primi libri che lessi e rilessi" scrive Giorgio Manganelli nel testo che apre questo volume. Peter Pan è il fanciullo che, fuggito dalla sua casa, vive nel mondo notturno dei Kensington Gardens, abitato da fate e folletti. Incontrerà Wendy, John e Michael, i fratellini che lo aiuteranno dopo varie avventure contro pirati, sirene, pellirosse a sgominare il terribile Capitan Uncino. Uno dei più grandi e duraturi successi del Novecento viene qui presentato in una edizione integrale arricchita da un raro testo dell'autore, Capitano Hook a Eton, notevole profilo di Capitan Uncino, offerto per la prima volta al lettore italiano.


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.4 di 5 su 5 recensioni)

5.0Capolavoro, 02-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Tutti parlano del cartone di peter pan ma in pochi ammirano la bellezza del romanzo! A me è stato regalato per il ottavo compleanno e l'ho letto in due giorni. Mi aveva affascianto tantissimo la storia di peter pan, ancora adesso se sono triste mi basta leggere quel libro per tornare a sorridere
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Leggetelo!, 24-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Chiunque creda di conoscere questa storia grazie ai numerosi film, cartoni animati o canzoni ispiratisi sappia che si abaglia. Peter Pan è commovente, struggente, a tratti drammatico. Le pagine raccontano al lettore ferite come l'abbandono e l'incomprensione che in qualche modo toccano il bambino, a volte sopito, in ognuno di noi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Molto dolce, 21-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Non è solo un libro per bambini. Credo che andrebbe riletto da adulti. Peter Pan è un bambino molto solo, e questo non puo' che provocare una profonda tristezza in chi si cimenta in questo libro già in età "avanzata". Molto bello e profondo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il bambino più triste del mondo, 05-09-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
E' verso la fine che si capisce che significato triste e amaro ha questo libro... Peter pan credo sia veramente il bambino più triste del mondo... non prova quasi mai sentimenti positivi, o semplicemente fa baldoria, che non implica assolutamente l'essere felici, o è arrabbiato, o è triste... le uniche volte che ha provato altro, è stato alla morte di Campanellino, e quando ha avuto pietà della mamma di Wendy e li ha lasciati tornare a casa.
E poi, essendo un bambino senza alcuni legami, dimentica sempre ogni cosa: è capitato che non riconoscesse più Wendy e i suoi fratelli, e così via...
Quando gli altri sono tornati a casa, Peter riesce a ottenere la promessa che Wendy potrà tornare ogni primavera a fare le pulizie di primavera, e così sono d'accordo che ogni anno lui sarebbe andato a prenderla... Solo che a volte andò, altre no, perchè probabilmente si era dimenticato della sua esistenza, proprio per quello strano problema della memoria.
Poi torna quando ormai Wendy è adulta e ha una figlia, ma a lui sempre sia passato solo un anno, perchè ha dimenticato anche di essersi dimenticato di venire ogni volta... quando vede che lei è cresciuta è sconvolto, dice che lei aveva promesso che non sarebbe mai cresciuta, e si mette a piangere ai piedi del letto... e stranamente, una scena già conosciuta si ripete: la figlia di Wendy, Jane, si sveglia e dice "Ragazzino, perchè piangi?" proprio come aveva fatto Wendy quando era successo a lei...
Così sarà Jane ad andare ogni anno (almeno, quando Peter se ne ricorda) a fare le pulizie di primavera, e poi, quando Jane avrà una figlia, Margherita, sarà lei... e così per sempre, perchè Peter ha sempre bisogno di una mamma.
Jane aveva chiesto a sua mamma come si fa a volare, e Wendy le aveva risposto "Solo chi è allegro, innocente e senza cuore può volare", ed è una sentenza veramente agghiacciante... perchè dimostra come era Peter, 'senza cuore' perchè la sua crescita si era fermata ancora prima di 'averne uno'... non è senza cuore per sua volontà, ma proprio perchè non sa cosa significhi avere dei legami, degli affetti, veri...
Lui che era scappato dalla culla il giorno stesso della sua nascita, e in seguito si era ritrovato la finestra chiusa e un nuovo bambino al suo posto, aveva visto irrimediabilmente segnata la sua idea delle 'mamme', e così anche impossibile qualsivoglia forma di affetto.
Forse ogni tanto un barlume di buoni sentimenti veniva fuori in Peter... come quelle due volte prima che vi ho detto, e in più Peter non sognava spesso, ma quando succedeva, piangeva nel sonno, e quando erano all'isola tutti insieme, l'unica capace di calmarlo, in segreto, senza farsi accorgere da lui, era Wendy, che lo teneva stretto finchè non tornava a dormire tranqullo.
Un altro particolare... vi ho già detto che Peter si dimentica sempre del passato: quando era tornato da Wendy adulta, e lei gli ricordava gli eventi passati, lui non si ricordava più di Capitan Uncino, che aveva sconfitto... diceva "Capitan Uncino... chi è?", e così anche di Campanellino, perchè le fate hanno una vita breve e poi muoiono...
Se lui si dimentica sempre di ogni cosa, anche dei morti, la situazione nel mondo di Wendy viene descritta ben diversa: lei è cresciuta, quindi è passato del tempo... la signora Darling ormai è morta, e il signor Darling è anziano e malato, e Nana è morta da tempo. Com'è triste questo libro, se ci si riflette andando oltre l'apparente allegria dei giorni passati al Paese-che-non-c'è... Peter è veramente il bambino più triste e solo del mondo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0il bambino che non voleva crescere, 06-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Una storia immortale, quella di Peter Pan, il bambino che voleva ritornare ad essere un uccello e che scappa nei giardini di Kensington e poi all'Isola-che-non-c'è. L'avventura del ragazzino che vuole vivere senza i grandi e che vola, affronta pericoli e pirati, ma anche la storia dolcemente malinconica del bimbo che è stato dimenticato dalla mamma.
Un racconto non solo per i piccoli, ma anche per gli adulti che hanno ancora voglia di sognare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO