Percorsi perversi

Percorsi perversi

di Vittorio Sgarbi


  • Prezzo: € 14.98
  • Nostro prezzo: € 12.73
  • Risparmi: € 2.25 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
 Questo prodotto appartiene alla promozione  Rizzoli

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Percorsi perversi di un secolo già trascorso in cui si è visto, detto e fatto tutto e il contrario di tutto. Si è uccisa la figurazione e la si è fatta rinascere; si è affermata l'Avangardia fino a trasformarla in una dittatura e la si è fatta morire. Oggi l'Avanguardia è un fantasma che non inganna più nessuno. Eppure è ancora un linguaggio obbligatorio. Se osserviamo i moti, i passaggi, gli intrecci del Rinascimento, dell'età baroccca, del Settecento, vediamo diversità, varietà, contrasti, ma come aspetti di un pensiero unico o prevalente. Nel Novecento le linee dominanti sono molteplici, contrapposte, elusive: domina una babele di linguaggi che fa convivere le esperienze più lontane in una perfetta intolleranza. (Vittorio Sgarbi)

Note sull'autore

Vittorio Sgarbi è nato a Ferrara l’8 maggio del 1953. Ha studiato presso l’Università di Bologna, dove ha conseguito la laurea in Filosofia. Appassionato d’’arte fin da giovanissimo, dopo la laurea diventa ispettore alla sovrintendenza dei beni storici ed artistici del Veneto. Dopo un’esperienza di circa tre anni come docente di Storia delle tecniche artistiche presso l’Università di Udine, inizia a dedicarsi a numerose attività che lo porteranno a diventare un personaggio rilevante del panorama mediatico italiano. Critico d’arte, politico e personaggio televisivo estremamente polemico, Sgarbi è noto anche per i numerosi dibattiti che lo hanno visto protagonista. Nel 1989, ospite del Maurizio Costanzo Show, Sgarbi fu il primo a pronunciare una parolaccia nella storia della televisione italiana. Dal 1992 al 1999 conduce la trasmissione “Sgarbi quotidiani” su Canale 5. In seguito è stato ospite ed opinionista in numerose trasmissioni. Come critico d’arte ha commentato in videocassetta numerose opere dei più importanti pittori della storia ed è autore di numerosi saggi. E’ stato curatore del Padiglione Italia alla 54 Biennale d’arte di Venezia. Deputato del Parlamento italiano dall’aprile del 1992, Sgarbi ha ricoperto numerosi incarichi, spesso cambiando schieramento politico. È stato Assessore alla Culture del Comune di Milano, Sindaco di Salemi e Sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro