€ 15.60€ 16.60
    Risparmi: € 1.00 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il paziente inglese

Il paziente inglese

di Michael Ondaatje

3.5

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Sul finire del secondo conflitto mondiale, tre uomini e una donna si rifugiano in una villa semidevastata sulle colline di Firenze. In una stanza del piano superiore giace, gravemente ustionato in un incidente d'aereo, premurosamente accudito dall'infermiera Hana, il misterioso "paziente inglese". Dai suoi racconti allucinati dalla morfina riemergono l'amore travolgente per Katharine e le avventurose peregrinazioni nel deserto. Intorno alla sua convalescenza s'intrecciano le vicende degli altri abitanti della villa: Hanam Caravaggio, un ladro che lavora per i servizi segreti, e Kip, un sikh, abile artificiere. La memoria, i miti e le leggende personali dei quattro protagonisti, lacerati e turbati dall'esperienza della guerra, ripercorrono la storia di un'intera epoca.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Michael Ondaatje:


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 2 recensioni)

4.0Il paziente inglese, 29-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Il paziente inglese potrebbe essere tedesco o magari polacco: un corpo bruciato senza nome giace in un letto, accompagnato solo da un libro di Erodoto zeppo di foto, disegni, annotazioni e pensieri; ma i cocktail a base di morfina, latte condensato e vino riescono a slegare la memoria dell'uomo, facendogli vomitare la sua storia, liberandolo dai rimpianti di un Gige dal destino sbagliato.
I ricordi delle sue avventure nel deserto libico ci trascinano verso un paesaggio diverso ma non meno affascinante di quello toscano, in cui la narrazione conserva sempre una connotazione intima e fortemente introspettiva.

Sono rimasta colpita da questa atmosfera a lume di candela che non mi ha mai abbandonato durante la lettura, permettendomi di scivolare silenziosamente nelle storie di ognuno degli abitanti della Villa, conoscendone la cultura e le abitudini, i punti di forza e le debolezze.

Il mio personaggio è Kip: vorrei potergli rubare un pizzico della sua capacità di estraniarsi dal mondo e mi riconosco nella sua empatia per i personaggi delle opere d'arte che incontra lungo il suo cammino.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Soporifero, 20-09-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Mamma mia che fatica! Ho iniziato a respirare da che ha preso forma il personaggio di Kathrine. In realtà, da circa metà libro, i personaggi hanno preso vita, ma all'inizio veramente soporifero...
Ritieni utile questa recensione? SI NO