€ 13.94
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Passato prossimo. Donne romane da Tacita a Sulpicia

Passato prossimo. Donne romane da Tacita a Sulpicia

di Eva Cantarella

4.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Elementi
  • Edizione: 3
  • Data di Pubblicazione: settembre 1996
  • EAN: 9788807470059
  • ISBN: 8807470055
  • Pagine: 192
Le leggende, i culti, gli aneddoti. Le storie di dee, regine mitiche, eroine e donne realmente esistite. L'agiografia delle donne modello e le disavventure delle ribelli, le poesie di Sulpicia. Le regole giuridiche e le pratiche sociali: Il controllo del "ventre", la cessione dell'utero. La storia di un lungo silenzio, delle circostanze che consentirono il mutare delle leggi e dei costumi, le reazioni maschili, l'emancipazione femminile. Ma anche la nascita della complicità tra i sessi. Il formarsi a Roma di un modello di rapporto tra uomini e donne destinato a lasciare tracce sino alle soglie del Duemila. Il tutto reso accessibile a un pubblico ampio, senza rinunciare al rigore della ricerca storica e filologica.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 2 recensioni)

4.0Le donne a Roma, 21-04-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Cantarella è un'ottima divulgatrice, oltre che una brava studiosa: sa spiegare con lievità ma con dovizia di particolari la situazione della donna romana, dall'epoca arcaica all'età imperiale. Particolarmente piacevoli sono i piccoli casi di donne "trasgressive" realmente vissute e mitologiche confrontati con la cultura dell'epoca corrispondente, con le norme vigenti in quel periodo, e soprattutto con altre personalità femminili che, al contrario, hanno tenuto dei ocstumi consoni all'etica romana e reputate quindi "virtuose".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Interessantissimo, 30-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro riprende in parte quanto contenuto in “L’ambiguo malanno” (alla cui recensione rimando), ma espone anche molto altro, ed è eccellente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO