€ 5.68
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Parlare a vanvera

Parlare a vanvera

di Bianca Pitzorno


Fuori catalogo - Non ordinabile

Note su Bianca Pitzorno

Bianca Pitzorno è nata a Sassari il 12 agosto del 1942. Dopo aver conseguito il diploma di maturità, si è iscrittta all’università dove ha ottenuto la laurea in lettere classiche. In seguito si è specializzata in Cinema e Televisioni presso la Scuola Superiore delle Comunicazioni. Ha lavorato per la RAI, occupandosi di programmi culturali e per ragazzi. Ha svolto altri numerosi lavori, tra cui quello di archeologa, autrice di testi teatrali, sceneggiatrice, editor, insegnante e traduttrice. Ha esordito nella narrativa nel 1970, con il volume dal titolo “Il grande raduno dei cow boy”. In seguito ha continuato a pubblicare numerosi romanzi e saggi, sia per bambini sia per adulti. Profonda conoscitrice del mondo dell’infanzia, il suo stile narrativo è caratterizzato da realismo e umorismo. Ha ricevuto la laurea honoris causa in Scienze della Formazione all’Università di Bologna. Oltre ai numerosi premi ricevuti, è stata anche finalista al Premio internazionale Hans Christian Andersen, conferito dall’IBBY (International Board onBook for Young People), uno dei riconoscimenti più prestigiosi nel mondo della letteratura per l’infanzia. Bianca Pitzorno è molto attiva nel sociale, è ambasciatrice UNICEF e spesso si reca a Cuba, dove collabora con le istituzioni culturali dell’isola.
 

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Bianca Pitzorno:

Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 1 recensione)

5.0Bellissimo, 03-05-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Uno dei libri più belli della mia infanzia, tanto che ricordo ancora quanto era stata piacevole e scorrevole la lettura.
Bianca Pitzorno, con una semplicità unica, racconta e spiega l'origine di alcuni modi di dire comuni (ad esempio "piangere a dirotto" o, appunto, "parlare a vanvera", da cui la raccolta prende il titolo) . Mi avevano spiegato che era un libro spensierato da non prendere troppo sul serio e, allora, credo che quella sia stata la prima volta che sono rimasta a bocca aperta davanti alla bravura e alla fantasia sconfinata di questa scrittrice che mi ha accompagnata per anni durante la crescita.
Uno splendido regalo per i bambini che iniziano a leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO