€ 14.39€ 14.99
    Risparmi: € 0.60 (4%)
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Paradisi perduti. Paesaggi rinascimentali dell'utopia

Paradisi perduti. Paesaggi rinascimentali dell'utopia

di Nino Borsellino


Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
  • Editore: Liguori
  • Collana: Nuovo Medioevo
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2009
  • EAN: 9788820744489
  • ISBN: 8820744481
  • Pagine: 75
  • Formato: brossura
Dalla Fabula di Poliziano all'Aminta di Tasso il teatro del Rinascimento ha proiettato fuori dalle corti e dalle città l'utopia di una felicità primitiva. Ma il primo scenario pastorale si chiude con la tragedia di Orfeo e Euridice, sempre compianta ma anche censurata. A questo sacrificio Borsellino restituisce il suo significato autentico, 'scandaloso' e perciò rimosso; alla numinosità di Pan restituisce il suo potere vitale, pervasivo e anche inquietante. Da una pulsione panica nasce l'Eden contadino di Ruzzante, ma anche l'erotismo dell'Aminta con la sua legge - S'ei piace, ei lice - prima moralizzata poi adottata da un libertinismo propagandato e praticato. Sono molti i 'paesaggi dell'utopia' pastorale e rurale. Quello evocato da Tasso è audace e malinconico: commemora la fine di un'illusione. Eppure ancora ispira nostalgie di paradisi perduti.

Altri utenti hanno acquistato anche: