Paesaggi della paura. Vita e natura nel medioevo

Paesaggi della paura. Vita e natura nel medioevo

4.5

di Vito Fumagalli


  • Prezzo: € 19.63
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Fumagalli introduce il lettore nell'universo mentale del Medioevo. Da queste pagine emergono le credenze, i valori, i comportamenti che definiscono l'atteggiarsi dell'uomo nei confronti del mondo naturale, del soprannaturale, del proprio stesso corpo. E' un'umanità assediata da una natura ostile, perduta in un labirinto "gotico" di sofferenze e terrori, macerata nelle penitenze; eppure è l'umanità che resiste agli urti delle calamità e dei barbari, che conquista nuovi spazi all'agricoltura, che ridà vita alle città decadute, l'umanità che con un lavorio secolare torna a imporre la propria regola su quella natura che pareva destinata a sommergere la civiltà stessa dell'uomo.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.3 di 5 su 3 recensioni)

3.0La percezione nel medioevo, 05-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un saggio molto originale sulla concezione dell'ambiente dell'uomo medievale e su come questa visione è cambiata nel secoli. Il paesaggio della paura è quello delle certezze un tempo conosciute improvvisamente scomparse, sino a diventare solo favole divenute incomprensibili. Unica pecca: Risulta nel finale fin troppo ripetitivo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Viaggio tra luci e ombre , 23-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un viaggio nel tempo e nello spazio, attraverso il passato storico ed i luoghi che precedettero paesaggi e panorami attuali, tanto coinvolgente da mediare sensazioni ed effetti: una raccolta di preziosi saggi dall’effetto catartico, è Paesaggi della paura di Vito Fumagalli, un testo colto, costruito sullo studio di documenti medioevali, che spaziano dalle agiografie dei santi ai testi amministrativi, dall’esame dei testi degli storiografi ufficiali dei barbari ai documenti della Chiesa. Una sottile ricerca che prende spunto dagli effetti per risalire alle cause, ovvero che analizza le paure e le superstizioni sociali di un’epoca, trovandone giustificazione negli eventi e nella logica della storia. Il bagliore degli sterminati spazi innevati che abbacina i lupi nei lunghissimi inverni, le tenebre profonde del fitto dei boschi e delle foreste che ospitano spettri in cerca di pace, paludi e brughiere che avanzano coprendo con radici e vegetazione selvatica le rovine di città e villaggi, chiese abbandonate divenute rifugio di animali inselvatichiti, acquedotti ridotti a cumuli di macerie, carestie, epidemie, alluvioni, piogge di sabbia, eclissi di luna e di sole, sono le paure degli uomini in preda ad un diffuso abbattimento psicologico, che colpì le loro coscienze alla soglia del sesto secolo, allorché fu chiara la fine di un’epoca, quella romana, dispensatrice di benessere e certezze. Tristezza, senso di precarietà, collera divina e punizione per le colpe dei principi o degli uomini comuni si manifestano nel turbamento dell’ordinario corso del clima o dei fenomeni naturali. I capricci caratteriali degli dèi pagani si confondono con la collera divina, una sorta di sincretismo religioso fonde credenze antiche e cristianesimo e trova spazio nella logica degli uomini di chiesa, turbati dall’idea del peccato. Fatto proprio il messaggio cristiano, il monachesimo sprona a mortificare i piaceri della carne, bandiera delle debolezze del mondo, e, contro una umanità rozza ed una società violenta, oppone la solitudine operosa del monastero e la pace del ritiro spirituale, evidenziando due ideologie in contrasto: quella materialistica di una antica aristocrazia, che basa i propri valori sulla forza e sulla carne, e quella spiritualistica, basata sul riscatto dell’intelligenza, ed aprendo la via ad un’epoca di nuove intolleranze sociali verso il diverso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Imperdibile, 23-08-2008, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
per chi fosse interessato allo studio del territorio e del paesaggio europeo nel periodo immediatamente successivo al crollo dell'impero romano d'occidente un volume da non perdere. Documentato e scritto con grande bravura fornisce al lettore un valido strumento anche per lo studio della mentalità e delle credenze dell'uomo altomedievale
Ritieni utile questa recensione? SI NO