Le ossa del ragno

Le ossa del ragno

2.5

di Kathy Reichs


  • Prezzo: € 5.90
  • Nostro prezzo: € 2.65
  • Risparmi: € 3.25 (55%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

RACCOGLI BEENZ E RICEVI FANTASTICI PREMI!
Acquistando questo prodotto raccogli 3 beenz o più.   Scopri come

Descrizione

Quando dalle acque tranquille di un lago del Quebec affiora un involucro di plastica contenente resti umani, il compito di identificarli spetta a Temperance Brennan. Un lavoro di routine, per la brillante antropologa forense. Ma l'immagine di quel corpo tumefatto la inseguirà per giorni, per chilometri. L'uomo, ritrovato con indosso reggiseno e slip rosa, è morto per asfissia associata ad attività autoerotica: peccato che John Charles Lowery risulti essere già morto nel lontano 1968, mentre prestava servizio nell'inferno del Vietnam. Dove la sua passione per i ragni gli era valsa il soprannome di Spider. A chi appartengono, allora, le spoglie restituite quarant'anni prima alla famiglia Lowery e sepolte nel North Carolina? L'indagine sulle ossa senza nome porta Tempe da Montréal alle bianche spiagge delle Hawaii, dove ha sede il JPAC, l'ente responsabile dell'identificazione dei cittadini americani morti in guerra. Nei laboratori hawaiiani la vera storia di Lowery assume i contorni di uno scandalo che rischia di infangare per sempre la sua reputazione di soldato e di uomo. E di portare alla luce una trama segreta di sparizioni e identità violate che ancora oggi qualcuno è disposto a coprire a prezzo del sangue. Kathy Reichs si conferma regina della suspense con un thriller, dove ogni pagina scorre al ritmo febbrile della paura.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Le ossa del ragno acquistano anche La piuma di Giorgio Faletti € 11.05
Le ossa del ragno
aggiungi
La piuma
aggiungi
€ 13.70

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro -55%

  • Titolo: Le ossa del ragno
  • Traduttore: Annoni I.
  • Editore: Rizzoli
  • Collana: Rizzoli best
  • Data di Pubblicazione: Giugno 2010
  • ISBN: 8817040754
  • ISBN-13: 9788817040754
  • Pagine: 376
  • Reparto: Narrativa
  • Formato: rilegato

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Le ossa del ragno e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  2.5 (2.5 di 5 su 4 recensioni)

3.0INSOMMA, 21-03-2011
di G. Faiola - leggi tutte le sue recensioni

I libri della Reichs sono sempre una lettura piacevole ma sinceramente quest'ultimo non è che appassiona più di tanto... Un po' monotono e sottotono rispetto ad altri decisamente più avvincenti (basta anche solo citare il precedente Le ossa del diavolo)... Un po' delusa...




3.0Troppo severi!, 14-12-2010
di E. Ferioli - leggi tutte le sue recensioni

Son d'accordo in linea di massima con gli altri lettori: il libro non è un capolavoro e la Reichs ha scritto di meglio. Però la storia è interessante e l'autrice si dimostra molto competente e documentata sull'argomento. Lo stile, come sempre, è frizzante e leggero: tra mosche carnarie, cadaveri putrefatti, carni liquescenti si riesce anche a sorridere.




3.0Le ossa del ragno, 06-12-2010
di I. Piazza - leggi tutte le sue recensioni

Questo è il primo romanzo che ho letto dell'autrice. Un giallo che è un mix tra i libri di Patricia Cornwell (quanto a specifiche anatomiche e medicina) e le puntate della serie televisiva "cold case" (in quanto si vanno a ripercorrere vicende lontane nel tempo) . Lettura gradevole.




2.0Secondo me, 02-09-2010
di T. Giappone - leggi tutte le sue recensioni

Secondo me anche questa è una minestra riscaldata anzi l'autrice non si è neppure degnata di riscaldarla. E' un testo tutto fatto di dialoghi a base di gergo spiritosetto e parolacce, con un'azione così confusa che ci vorrebbe un premio per chi riesce a districarla e a stabilire chi era chi. Odiose le due figlie, Kathy e Lily.




3.0Sempre di buon livello, 20-08-2010
di A. Cambi - leggi tutte le sue recensioni

Ennesimo romanzo di un’autrice prolifica, ma sempre all’altezza della sua fama. Kathy Reichs mantiene infatti costante nel tempo il suo piacevole standard di scrittura, pur senza toccare vertici illuminati, ma trovando sempre qualche situazione inusuale da raccontare e una trama avvincente, per tenere desta l’attenzione del lettore. A volte conduce la sua protagonista a vivere avventure poco probabili e mortali per chiunque, facendola poi ovviamente sempre sopravvivere con facilità e scaltrezza, ma subito dopo la fa cadere in depressione di fronte a fatti di vita quotidiana che i comuni mortali devono affrontare e risolvere ogni giorno: un’apparente incongruenza, che a mio parere l’autrice impiega per rendere più umana la protagonista, ma entrambe le situazioni proposte sono un po' forzate. In ogni caso una buona e piacevole lettura estiva che, pur senza particolari pretese, lascia soddisfatti, nonostante i molti, forse troppi, euro spesi per l’acquisto e nonostante gli sconti di webster.




2.0Brutto, 23-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di G. Ascione - leggi tutte le sue recensioni

Non mi è piaciuto, non ho provato un briciolo di paura, peccato perchè tutto sommato la storia non è male.




3.0Ha scritto di meglio, 11-07-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di A. Tomeazzi - leggi tutte le sue recensioni

Kathy Reichs ancora una volta scrive un thriller con la speranza di mantenere viva la paura e la tensione dalla prima all’ultima pagina...
La storia non sarebbe neanche male ma effettivamente l'autore ha perso un po' di ispirazione con questo libro, i personaggi per esempio sono banali e la suspence c'è e non c'è.





3.0Tutto di fila, tutto di un fiato., 07-07-2010
di P. De stefano - leggi tutte le sue recensioni

Kathy Reichs ancora una volta regala ai suoi lettori un thriller pieno di suspence capace di mantenere viva la paura e la tensione dalla prima all’ultima pagina.




2.0Ispirazione persa, 03-07-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di O. Polla - leggi tutte le sue recensioni

Gli ultimi due libri di questa autrice mi fanno pensare che scriva soltanto perchè ha un contratto da rispettare. Ormai ha perso l'ispirazione, la storia, da un punto di vista investigativo, si trascina stentatamente, le descrizioni scientifiche sembrano prese direttamente da qualche sito di anatomia patologica, un tale profluvio di dettagli è noioso e non necessario alla storia. Per quanto riguarda il lato "sentimentale" fa un po' ridere un'ultra cinquantenne che si comporta come un'adolescente che sfoglia la margherita. Spiace non poter parlare bene di un'autrice che mi è sempre piaciuta molto, forse il personaggio ha fatto il suo tempo!




product