€ 28.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Le origini del totalitarismo

Le origini del totalitarismo

di Hannah Arendt

5.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Biblioteca Einaudi
  • Traduttore: Guadagnin A.
  • Data di Pubblicazione: marzo 2004
  • EAN: 9788806169350
  • ISBN: 8806169351
  • Pagine: LXXXII-710
  • Formato: brossura
Pubblicato per la prima volta nel 1951, è un classico della filosofia politica e della politologia del Novecento ed elabora una teoria del totalitarismo destinata ad assumere valore paradigmatico. Per la prima volta il fenomeno totalitario viene preso in esame nel suo significato generale, considerandone anche le implicazioni culturali e filosofiche oltre a quelle storiche e politiche. La Arendt sostiene che il totalitarismo rappresenta il luogo di cristallizzazione delle contraddizioni dell'epoca moderna, ma segna anche la comparsa nella storia occidentale di un fenomeno nuovo e impensato. Le categorie della politica, del diritto, dell'etica risultano inutilizzabili poichè è un fenomeno che travalica i confini della semplice oppressione.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Hannah Arendt:


Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 2 recensioni)

5.0Le origini del totalitarismo, 27-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Sebbene alcune posizioni, oggi, possono venire considerate superate, credo che non si possa prescindere da questo libro quando si sceglie di approfondire la riflessione sui totalitarismi del novecento. I capitoli dedicati alla condizione degli apolidi, e ai diritti umani meriterebbero di essere ricopitati a mano.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Le origini del totalitarismo, 13-09-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
"Le origini del totalitarismo" entra con pieno diritto tra i classici della filosofia politica e della politologia di tutti i tempi. La Arendt descrive l'irreale e terribile esperienza dei regimi totalitari, un'esperienza che sfugge anche alla classiche categorie della riflessione politica, sottolineando in modo lucido ed attento le dinamiche che portarono all'affermazione di questi regimi ed il progressivo annullamento del cittadino e dell'uomo nell'esperienza limite dei campi di sterminio
Ritieni utile questa recensione? SI NO