€ 10.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
L' ombra nera. Le stragi nazifasciste che non ricordiamo più

L' ombra nera. Le stragi nazifasciste che non ricordiamo più

di Gianni Oliva

4.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar storia
  • Data di Pubblicazione: giugno 2008
  • EAN: 9788804580874
  • ISBN: 8804580879
  • Pagine: 221
  • Formato: brossura
Nel 1943-45 le truppe di occupazione germaniche e le forze armate della Repubblica di Salò si rendono responsabili di crimini efferati, che portano all'eliminazione di oltre diecimila civili, alla deportazione di più di settemila ebrei, all'uccisione di migliaia di partigiani nei combattimenti, senza contare le centinaia di paesi incendiati e le razzie d'ogni genere. In quei venti mesi vennero massacrati dai tedeschi e dai "repubblichini" non solo partigiani e prigionieri di guerra, ma anche vecchi, donne, bambini con furia razzista e vendicativa. Negli ultimi tempi si è molto parlato della "resa dei conti" della primavera 1945, condotta con esecuzioni sommarie e improvvisati "tribunali del popolo", ed è stato un contributo necessario per svelare i silenzi della storiografia resistenziale. Ma che cosa c'è stato prima di quegli eventi? Che cosa li ha resi possibili? Ripercorrendo le pagine più dolorose della storia nazionale, Oliva ricostruisce la logica degli eccidi nazifascisti, analizza gli apparati repressivi dell'amministrazione militare tedesca e della Repubblica sociale, si sofferma sulle vicende meno note della Banda Koch, della Banda Carità, dell'Ispettorato speciale di Pubblica sicurezza della Venezia Giulia, racconta le stragi delle Fosse Ardeatine, di Sant'Anna di Stazzema, di Marzabotto. Emerge così il quadro esasperato di un territorio attraversato dal furore della guerra tradizionale e dall'orrore della guerra civile.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0L'onestà dello storico, 17-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Da apprezzare moltissimo lo storico Gianni Oliva, autore di questo saggio, per la sua onestà di storico della guerra civile, che si consumò tra il '43 e il '45 in Italia.
Da apprezzare perché scrive delle ragioni, dei misteri, delle omissioni e delle omertà dell'una e dell'altra parte. Dopo aver scritto "L'alibi della Resistenza" e "Le tre italie del 1943" scrive anche "L'ombra nera". Ovvero il racconto di tutti i massacri e le stragi, compiute dai nazisti e dai fascisti (qui riassunti in un solo corpo nazifascista) nei confronti della popolazione civile, per meglio comprendere il clima di odio e di terrore che sconvolse in Nord Italia nel giro di questi anni tanto discussi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO