€ 17.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Ogni mattina a Jenin

Ogni mattina a Jenin

di Susan Abulhawa

5.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: I narratori
  • Traduttore: Rota Sperti S.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2011
  • EAN: 9788807018459
  • ISBN: 8807018454
  • Pagine: 390
  • Formato: brossura
“Ogni mattina a Jenin” di Susan Abulhaw è un romanzo che racconta la storia dei palestinesi in esilio dopo la creazione dello Stato di Israele nel 1948. Creazione che ha costretto anche migliaia di persone ad abbandonare le proprie terre, per non averne più nessuna, ed essere confinate in ghetti, sempre troppo stretti e brutti, come ogni ghetto che si rispetti.
Non avere una patria propria in cui riconoscersi e nella quale abitare, crescere e vivere assieme alla propria gente che vuole il bene della stessa terra che condivide con gli altri, è una situazione che definire infelice è riduttivo, oggi come oggi. Essendo l’appoggio di uno Stato fondamentale per ogni essere umano, visti gli assetti politici e mondiali odierni, chi ne è privo risente di questa mancanza in ogni ambito della sua vita, e spesso si trova scoperto nelle situazioni più difficili di calamità naturali, guerre e carestie, dove il supporto statale diventa fondamentale per la sopravvivenza stessa delle persone che rappresenta e governa. Altrimenti le persone senza patria sono esposte a ogni tipo di vessazione da parte dei più potenti e organizzati vicini (o lontani) paesi, e non hanno la possibilità di rispondere alle offese e alle ingiustizie subite, o nemmeno più semplicemente dialogare ponendosi sullo stesso piano degli interlocutori internazionali.
Susan Abulhaw racconta con estrema dolcezza la storia di quattro generazioni, e della loro difficile nuova condizione di ogni giorno al campo profughi di Jenin dove sono costretti a rifugiarsi dopo il 1948, tramite il personaggio di Amal, la nipote del patriarca di famiglia. Amal dopo l’abbandono della vecchia casa di Ein Hod, racconta la sua storia incredibile e comune, di guerre e disperazioni, strade rotte che nessuno ripara e case che cadono a pezzi, sotto i colpi dell’incuria e delle armi. In mezzo alla polvere, che come una costante riempie i polmoni di terra. Terra che non appartiene più a chi la respira. Amal racconta anche dei drammi quotidiani che non per questo meno dolorosi, come quello di avere due fratelli che combattono su fronti opposti, così come quello di vivere ogni giorno sulla propria pelle la condizione dei rifugiati in esilio. E poi gli amori, le perdite, la maternità. La sofferenza diffusa che viene combattuta con l’amor. L’unica arma che serva a qualcosa, nonostante tutto quello che ci si può trovare intorno.
“Ogni mattina a Jenin” di Susan Abulhaw è un romanzo che racconta quasi sessanta anni di storia della Palestina, attraverso le vicende di una famiglia palestinese.


Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 4 recensioni)

5.0Meraviglioso, 19-06-2013, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Non sono un'amante del genere, ma mi sono dovuta ricredere. La narrazione è splendida e la storia coinvolgente. Non riuscivo a smettere di leggerlo, ho assaporato il libro fino all'ultima pagina. Finalmente un punto di vista diverso, finalmente la verità e la schiettezza di chi ha provato sulla sua pelle l'ingiustizia e la perdita. Una meraviglia!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Direi unico, 15-01-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Ogni mattina a Jenin, uno dei migliori libri che mi sia capitato tra le mani in questo periodo. Le narrazione, ottima, ti porta dentro la realtà della storia, riuscendo a spiegare cose che sono state tenute nascoste per tanto tempo e spiegando quel lato della medaglia troppo spesso inascoltato. Un libro che tocca al cuore, che ti lascia con il fiato sospeso ed una morsa nello stomaco, con la speranza che le cose cambino e che il diritto alla vita non sia solo uno strumento di ricatto politico e religioso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Coinvolgente, emozionante, scioccante, 03-08-2011, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Molto toccante, ti lascia senza fiato dalla prima all'ultima pagina, non vorresti più smettere di leggerlo.
La storia di questa famiglia raccontata in maniera a volte molto cruda e descritta nei minimi particolari, famiglia che si ritrova all'improvviso a dover scappare e senza più nulla, piena di colpi di scena fino all'ultimo, una realtà che non puoi nemmeno immaginare, decisamente molto lontana da noi, come se fosse un'altro mondo o addirittura un'altra epoca.
Invece sono fatti recenti, che arrivano ai giorni nostri e realmente accaduti: una storia che vi farà riflettere. Beatrice Spaggiari
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Ogni mattina a Jenin, 21-07-2011, ritenuta utile da 7 utenti su 8
di - leggi tutte le sue recensioni
Splendido, Biosgna leggere questo ormanzo più che commovente emozionante. Commuovetevi, indignatevi, fate qualcosa. Non permettete che le storie di Bassima, Dalia, Amal, Sara continuino nella loro tragica dignità, non permettete che ci sia una quinta generazione che soffra del dramma di un popolo senza terra. Se non vi emozionate, vi sentite uniti ai protagonisti allora vi manca l'esperienza di cosa sia un campo profughi, della convivenza coi dolori della guerra.
Ritieni utile questa recensione? SI NO