€ 11.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
I nuovi limiti dello sviluppo. La salute del pianeta nel terzo millennio

I nuovi limiti dello sviluppo. La salute del pianeta nel terzo millennio

di Donella Meadows, Dennis Meadows, Jorgen Randers

5.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar saggi
  • Traduttore: Riccucci M.
  • Data di Pubblicazione: settembre 2006
  • EAN: 9788804559016
  • ISBN: 8804559012
  • Pagine: 386
  • Formato: brossura
Nel 1972 tre giovani scienziati del celebre MIT di Boston pubblicarono un rapporto destinato a fare epoca. Si intitolava "I limiti dello sviluppo" e nel giro di poco tempo diventò un bestseller assoluto. In quel saggio gli autori, pionieri delle scienze informatiche, gettavano uno sguardo verso il futuro e, grazie a modelli di calcolo computerizzati, riuscivano per la prima volta a mostrare in modo inequivocabile le conseguenze della crescita incontrollata su un pianeta dalle risorse non infinite. Trent'anni dopo, armati di strumenti informatici ben più raffinati e di una mole enorme di dati statistici, quegli stessi autori si sono riuniti per lanciare ancora il loro grido d'allarme. Con uno stile semplice e piano e con rigore scientifico i tre scienziati non possono fare altro che confermare le previsioni di trent'anni fa, e metterci in guardia sui devastanti effetti dell'azione umana sul clima, la qualità delle acque, la biodiversità marina, le foreste e tutte le altre risorse naturali. Prima che sia troppo tardi.


Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 1 recensione)

5.0Assolutamente da leggere, 19-07-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Un insieme di dati e informazioni così precise e fondamentali per la comprensione della nostra realtà non l'avevo mai trovato. Ritengo che questo libro debba essere letto da tutti in quanto vi sono spiegate questioni che in nessun altro contesto potremmo trovare. Le prospettive non sono belle ma se ce ne rendiamo conto siamo ancora in tempo per salvare quanto ancora rimane di buono della nostra civiltà. Meno consumi, meno sprechi, meno egoismi, più benessere per tutti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO