€ 5.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Novecento. Un monologo

Novecento. Un monologo

di Alessandro Baricco

4.5

Fuori catalogo - Non ordinabile
Il libro racchiude la storia, raccontata dall'amico suonatore di tromba, sotto forma di monologo, di Danny Boodmann T. D. Lemon Novecento, pianista sul transatlantico Virginian. Abbandonato sulla nave da emigranti, viene allevato da uno dei componenti dell'orchestra. I suoi elementi naturali divengono il transatlantico, il mare e la musica. Non è mai sceso a terra e vive ed esiste solo sul Virginian dove presto diventa un pianista di successo. Anche se non ha mai visto che mare e porti, viaggia moltissimo, con la fantasia, carpendo le notizie dai passeggeri che incontra. A 32 anni decide di scendere a terra, ma all'ultimo momento Novecento ci ripensa e corre a rifugiarsi nuovamente nell'antro della nave.

Note su Alessandro Baricco

Alessandro Baricco è nato a Torino il 25 gennaio 1958. E' uno dei più apprezzati autori del panorama letterario italiano. Studia Filosofia e si laurea con una tesi in Estetica. Contemporaneamente agli studi universitari, si diploma in pianoforte presso il conservatorio. Il suo esordio come scrittore avviene in qualità di critico musicale, quando nel 1998 pubblica un testo su Rossini. Il suo primo romanzo, invece, è del 1991. Si intitola “Castelli di rabbia” e vince il Premio Campiello. Il secondo romanzo, "Oceano mare", è del 1993. Nel 1994 viene pubblicato "Novecento", un monologo da cui viene tratto un lavoro teatrale e il film di Tornatore dal titolo "La leggenda del pianista sull'oceano". Nello stesso anno, a Torino, Baricco fonda la scuola Holden, centro per l'apprendimento delle tecniche di scrittura e storytelling. Accanto all'attività di scrittore, si occupa anche di televisione in qualità di conduttore, autore e ideatore di programmi. Collabora inoltre con importanti quotidiani nazionali. Dalle rubriche che ha curato per La Stampa e Repubblica nascono due volumi intitolati "Barnum" (1995 e 1998). Questi e altri numerosi successi della vasta produzione artistica dell'autore, tra cui “City” (1999), “Senza sangue” (2002) e “Questa storia” (2005), proiettano Baricco nel gotha della narrativa contemporanea italiana.

 

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Alessandro Baricco:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.4 di 5 su 69 recensioni)

5.0Una piccola poesa, 27-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
In questo libricino di poco più di sessanta pagine Baricco è riuscito a racchiudere un personaggio straordinario. Durante la lettura ci si ritrova proprio li, sul Virginian, cullati dal dondolio del mare, immersi tra odori, parole, musica. Si assiste alla crescita di Novecento, se ne osservano le imprese, se ne conoscono i pensieri e gli si rimane accanto fino all'ultima, toccante, meravigliosa pagina. Il libro più bello di Alessandro Baricco, uno dei pochi che non pare un mero esercizio di stile ma che trasmette vere emozioni.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Gran bel monologo, 26-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il monologo di Alessandro Baricco, Novecento, è davvero suggestivo, raccontato in poche semplici pagine, poche ma intense, facilmente leggibile in una mattinata. E' stata la prima forma di monologo che io abbia mai letto e mi ha davvero interessata. Tratta sicuramente di una strana storia, su una barca, il cui protagonista e le sue inaspettate e stravaganti vicende vengono descritte dal suo grande amico trombettista. Nonostante sia piuttosto breve, il monologo è ben strutturato e racconta tutto l'essenziale senza focalizzarsi troppo ad esempio sulla descrizione fisica o caratteriale di ogni singolo personaggio, rendendo la mia lettura più piacevole e scorrevole.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Novecento, 20-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un gran bel libro. Si può sentire la musica, il profumo del mare, l'umanità, lettere e immagini perfettamente combinati tra loro. Una storia breve e semplice, di amicizia vera e belle emozioni che lasciano il segno e il ricordo. Un linguaggio parlato che supera di gran lunga altri tentativi "esibizionisitici" dell'autore. C'è una certa magia tra le pagine, da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Commovente, 14-03-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
E' il libro da cui hanno tratto il film "Il pianista sull'oceano", una storia commovente da leggere tutta d'un fiato (e infatti sono pochissime pagine che si riescono a sfogliare in poche ore! ) . C'è tutto: una storia d'amore (quella del protagonista con la sua nave) , la musica, la paura (di abbandonare ciò che siamo sempre stati e abbiamo sempre conosciuto per andare incontro all'ignoto) ... Uno dei cento libri da leggere prima di morire.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Una storia che aspetta solo di essere vissuta, 15-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho visto il film anni fa quando è uscito e mi sono imbattuta nel libro qualche mese fa. L'ho letto ieri tutto d'un fiato. La semplicità con la quale è scritto e il carico di emozioni racchiusi al suo interno è disarmante. Non è un monologo, ne un manoscritto ne tanto meno una sceneggiature è una sinfonia per pianoforte, carica di pace punti veloci, passaggi lenti e studiati. Un esperienza che tutti dovremmo fare. Leggere Novecento!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Monologo, 10-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Pur essendo un monologo non è poi così brutto. Anzi, non si nota neanche che lo sia. Narra una storia bellissima e per certi versi paradossale, questi due attributi lo rendono interessante. Per certi versi riesce anche a commuovere. In circa 60 pagine l'autore raccoglie qualcosa di piacevole. Lo consiglio a chiunque. Buona lettura.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Una vita mai vissuta, 05-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Storia surreale che ha i toni della favola, in cui si narra la vita di Novecento, pianista di talento che tiene tutti in pista sulla nave nella quale è nato e non è mai sceso. Un monologo, più che un racconto, trasportato sul grande schermo dal regista Giuseppe Tornatore con il titolo di "La leggenda del pianista sull'oceano", che data la mole decisamente ridotta, si potrebbe raccontare ai bambini prima di andare a letto, al posto delle solite fiabe.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Monologo scorrevole, 31-01-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Vi chiederete se è possibile che un monologo non sia noioso... Ecco quello di Baricco è fantastico, storia bellissima, commuovente. Libro scorrevole e nonostante sia stato scritto per il teatro è veramente avvincente... Sia il modo di scrivere che l'ambientazione. Ci si immedesima molto nel protagonista.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Novecento, 22-01-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Ritengo Novecento uno dei più bei libri che abbia mai letto. La storia mi ha affascinato dalla prima all'ultima pagina. Un pianista timido, modesto e al contempo bravissimo e straordinario che non abbandona mai la sua nave. Ha deciso che non toccherà mai il suolo terrestre, a costo di morire. Commuovente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Bel libro..., 20-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un bel libro, anche se molto breve (essendo, appunto un monologo) .
Lo stile di Baricco mi piace, e credo che questo mi porterà a conoscere altri suoi libri, al più presto.
La storia è ben costruita, finale triste, inizio meraviglioso.
Un libro da leggere e rileggere velocemente, e con una certa allegria...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Senza parole..., 05-09-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Assieme a "Senza sangue" "Novcento" è uno dei libri che preferisco di Baricco. Un monologo eccezzionale, a tratti geniale. Le ultime pagine sono un qualcosa di meraviglioso. La scrittura dell'autore ha un che di particolare che te lo fa piacere all'istante o non te lo fa piacere per niente. Una morale molto interessante e che ci spinge a riflettere. Stupendo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Novecento, 30-08-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Francamente ho iniziato a leggere questo libro un pò per curiosità verso il titolo, un pò per la sua lunghezza (o brevità) . L'ho letto in pratica in una serata e mi è davvero dispiaciuto averlo concluso così subito perchè non solo è scritto bene ma è anche piacevole da leggere. E' davvero emozionante ma anche pieno di malinconia. Consigliatissimo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Novecento. Un monologo (69)