€ 16.15€ 19.00
    Risparmi: € 2.85 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Notturni. Cinque storie di musica e crepuscolo

Notturni. Cinque storie di musica e crepuscolo

di Kazuo Ishiguro

2.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Supercoralli
  • Traduttore: Basso G.
  • Data di Pubblicazione: maggio 2009
  • EAN: 9788806197001
  • ISBN: 8806197002
  • Pagine: 187
  • Formato: rilegato

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi
Il "notturno" in musica è una composizione di carattere lirico e melodico, veicolo di atmosfere sognanti e sentimenti ambivalenti, e in senso ampio ispirata alla notte. Nei cinque racconti di questa raccolta prevale l'ambientazione notturna delle scene cardine, la qualità onirica e comunque surreale delle vicende e soprattutto quell'alternanza di toni lievi e toni gravi che contraddistingue anche il genere musicale. Una sinestesia quasi perfetta dunque. Ma con un'importante eccezione: se il rigore della costruzione di parole in Ishiguro assorbe e maschera pressoché del tutto le tempeste della vita, è nel rapporto dei protagonisti di Notturni con la musica che il disagiò si rivela. Il crooner del primo racconto, per esempio, uno di quei vecchi cantanti melodici americani ormai fuori moda, ha alle spalle un passato di successi di cui vorrebbe tanto trattenere qualche brandello. La serenata - ovviamente notturna - che dedica alla moglie a bordo di una gondola, sembrerebbe il romantico pegno d'amore di un gentiluomo d'altri tempi ed è invece il primo atto di una cinica (e un po' ridicola) operazione di restyling.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Kazuo Ishiguro:


Voto medio del prodotto:  2.0 (2 di 5 su 1 recensione)

2.0Pretestuoso, 09-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
I racconti hanno spunti e inizi che destano interesse e sembrano emozionanti, ma poi si perdono, sempre in bilico tra situazioni visionarie o umoristiche e fatuità mal congeniate. Insomma, la trama si sviluppa su se stessa e non trova una direzione e un significato da dare al racconto e quel che resta è una sensazione di straniamento al termine di ciascun racconto. Resta la surreale scrittura di Ishiguro, che rende comunque scorrevole e gradevole la lettura.
Ritieni utile questa recensione? SI NO