€ 11.28€ 12.00
    Risparmi: € 0.72 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Ninna nanna

Ninna nanna

di Chuck Palahniuk

3.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Piccola biblioteca oscar
  • Traduttore: Colombo M.
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2005
  • EAN: 9788804549970
  • ISBN: 8804549971
  • Pagine: 273
  • Formato: brossura
Carl Streator è un uomo solitario. Ha quarant'anni, è vedovo e fa il giornalista. Mentre lavora a un reportage sulla sindrome della morte improvvisa del neonato scopre qualcosa di terribile: la presenza in tutti i luoghi dove sono morti dei bambini piccoli del libro "Poesie e filastrocche da tutto il mondo", immancabilmente aperto su una nenia africana usata per dare la "dolce morte". Il canto si rivela un'arma micidiale: basta leggerlo a voce alta o anche solo recitarlo a mente "dirigendolo" verso qualcuno e quel qualcuno finisce per tirare le cuoia. Carl diventato, più o meno involontariamente, un serial killer, si associa con un'agente immobiliare per distruggere tutte le copie esistenti del libro.

Note su Chuck Palahniuk

Chuck Palahniuk è nato a Pasco, nello Stato di Washington, il 21 febbraio del 1962. Dopo il divorzio dei genitori, lui e i suoi fratelli sono stati affidati ai nonni materni, con i quali hanno vissuto in un ranch nello Stato di Washington. A vent'anni, Palahniuk studia presso l'Università dell'Oregon, dove nel 1986 consegue la laurea in Giornalismo. Dopo la laurea, si trasferisce a Portland, dove lavora come giornalista per i quotidiani locali. Dopo poco però, lascia l’attività per lavorare a tempo pieno come meccanico specializzato in motori diesel. Tornerà ad occuparsi di giornalismo solo dopo essere diventato uno scrittore affermato. A partire dal 1988 inizia a fare il volontario, maturando quelle esperienze che poi si potranno ritrovare nelle sue opere. Aiuta i senzatetto e lavora nelle case di riposo, provvedendo al trasporto dei malati terminali e portandoli ai gruppi di sostegno. In seguito alla morte di un paziente a cui si era affezionato, decide di abbandonare l’attività come volontario. Superati i trent’anni, decide di frequentare un laboratorio di scrittura tenuto da Tom Spanbauer. I suoi primi racconti, “Negative Reinforcement” e “The Love Theme of Sybil and William”, vengono pubblicati nel 1990 sulla rivista mensile Modern Short Stories. I suoi primi romanzi furono inizialmente respinti dalle case editrici a causa dei contenuti forti ed inquietanti. Nel 1996, però il suo editore decide di pubblicare “Fight Club”. Il romanzo inizialmente non ebbe un grande successo commerciale, ma in seguito alla trasposizione nell’omonimo film diretto da David Fincher e interpretato da Edward Norton, Brad Pitt ed Helena Bonham Carter, il romanzo acquistò fama e divenne un successo internazionale. A questo primo successo, ne seguirono molti altri, tra cui “Survivor” (1999), “Invisible Monsters” (1999), “Soffocare” (2001), “Cavie” (2005), “Pigmeo” (2009) e “Dannazione” (2011). Lo stile di Palahniuk è asciutto e grottesco, le trame sono caratterizzate da un ritmo incalzante. La libertà, intesa come rifiuto e fuga dalle oppressioni della società, dalla competizione e dai mass media, rappresenta il punto cruciale della sua scrittura. Attualmente Chuck Palahniuk vive a Vancouver, quando non scrive romanzi, lavora come giornalista free-lance. 

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Ninna nanna acquistano anche 1984 di George Orwell € 11.90
Ninna nanna
aggiungi
1984
aggiungi
€ 23.18

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Chuck Palahniuk:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Ninna nanna e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.0 (3.2 di 5 su 13 recensioni)

2.0Non all'altezza, 28-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Per me che ho adorato Soffocare di Palanhiuk, questo libro mi ha lasciato un po' deluso a fine lettura. Lo stile è sempre il suo, ci mancherebbe, ma non c'era la solita verve, il solito "rasoio" tagliente, il vecchio mordente. Insomma una lettura sempre sopra le righe, ma mi aspettavo di più. Peccato
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Dritto al cuore marcio della società, 09-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Thriller pulp delirante e visionario. Ottima caratterizzazione dei personaggi: ognuno riesce a distinguersi, a emergere rispetto all'altro senza mai prevalere
"Ninna nanna" è una di quelle denunce alla troppa, esagerata, fuorviante, indiscreta comunicazione moderna alla portata di tutti.
La scrittura di Palahniuk è imperdibile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0La pace?, 06-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Ninna nanna è forse il libro che può farmi fare la pace con Palahniuk. In un mondo cattivo in cui le agenti immobiliari vendono case infestate da fantasmi truffando le ignare famiglie, e in cui le favole per bambini sono in realtà un arma, finalmente si intravede qualcuno che vuole fermare questa follia. Forse Palahniuk ha avuto un momento di tentennemento e ha cominciato a "pensare positivo". Sicuramente no, ma è bello sperare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Emblematico (dello stile! ), 05-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Sì, Ninna Nanna è un densissimo concentrato di quella che è la narrativa di Palahniuk: cinica, nauseante, cruda. Un pugno nello stomaco, una serie di fendenti a qualsiasi ottimistica visione del mondo. Palahniuk innalza una visione senza macchie del mondo e poi la smonta, lascia che si sgretoli pian piano di fronte agli occhi del lettore... Anche in Ninna Nanna l'autore persegue questo proprio personale obiettivo, ma, per quanto mi riguarda, non raggiunge la stessa efficacia e le stesse vette di altre sue opere, Fight Club su tutte.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Originale, 27-01-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro originale, che indubbiamente sa stupire.
La scrittura è davvero particolare e, appunto, originale, piuttosto inaspettata e inimmaginabile.
La vicenda è pungente e un pò malinconica, cinica ma scritta davvero con maestria in modo da calamitare l'attenzione del lettore e appassionarlo molto!
Da consigliare
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Filastrocca che uccide, 25-03-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Chuck Palahniuk, come suo solito, mette in scena una serie di personaggi insoliti e curiosi, una ninna nanna che uccide senza lasciare traccia, e la sua scrittura di impatto e ricca di ironia. Un libro che a tratti diverte e a tratti inquieta, a me è piaciuto molto, anche se probabilmente non è l'opera migliore di Palahniuk.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Ninna nanna, 07-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Adoro Palahniuk per il suo modo di scrivere così schietto e per il suo linguaggio da ceto medio, sempre comprensibile a tutti. Questo secondo me è il suo più grande capolavoro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Ninna nanna, 02-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Uno sguardo febbrile sull'Apocalisse etica e ambientale in corso. Le domande, come sempre con Palahniuk, battono le risposte per infinito a zero. A margine: caso rarissimo di buon fantasy per adulti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Ninnananna, 24-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Non è il miglior romanzo di Palahniuk, ma ha comunque i suoi momenti interessanti.
Bella l'idea (una filastrocca che uccide le persone a cui viene narrata), peccato che lo sviluppo non segua il ritmo serrato dei lavori precedenti: pur essendo scritto nel consueto stile inconfondibile e avviluppante, spesso il ritmo della narrazione rallenta sensibilmente, e alcuni capitoli sembrano solo dei riempitivi non necessari alla storia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0deludente, 08-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
le aspettative erano alte prima del suo acquisto. avevo tanto sentito parlare dell'autore e la sinossi di questo libro mi sembrava molto interessante. Ma a volte succede che anche al cinema il meglio di un film è concentrato tutto nel trailer...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Mi è piaciuto, 27-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un libro leggermente diverso, magari un pò più leggero, rispetto ai soliti romanzi dell'autore. Ma anche stavolta non ha mancato di stupire con invenzioni narrative folli e geniali.
Me lo sono letto in modo davvero veloce e lo consiglio agli amanti del genere di Palahniuk.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0così così, 25-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
è il quarto libro che leggo dello stesso autore, ma putroppo ha deluso le mie aspettative. il ritmo non è incalzante come in altre sue opere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Ninna nanna (13)