€ 14.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Neve

Neve

di Orhan Pamuk

3.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Super ET
  • Traduttori: Bertolini M., Gezgin S.
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2007
  • EAN: 9788806186180
  • ISBN: 8806186183
  • Pagine: 468
  • Formato: brossura
Investita da una tormenta di neve, la città è un miscuglio di etnie e fazioni politiche. Ci sono turchi, curdi, georgiani, nazionalisti laici e integralisti religiosi. C'è la polizia segreta, c'è l'esercito e ci sono i terroristi islamici. Ka inizia la sua indagine, mentre la neve continua a cadere e le strade vengono chiuse. Kars è isolata. In città, Ka rivede dopo diversi anni Ipek, una compagna di università molto bella. Ka se ne innamora e sogna di portarla con sé in Germania. Per realizzare questo sogno, farà di tutto. La situazione precipita quando una compagnia di teatro mette in scena un dramma degli anni Venti, scritto in sostegno della laicità dello Stato fondato da Atatùrk, dove una donna, coraggiosamente, brucia il chador in pubblico. Durante lo spettacolo alcuni giovani del liceo religioso inscenano una protesta. E la serata finisce nel sangue. Ka viene coinvolto suo malgrado. È uno spettatore imparziale, ma molto confuso. Non sa nemmeno rispondere alla domanda: credi in Dio? Sostiene che a Kars ha ritrovato Allah, ma poi l'unica cosa che gli interessa è la ricerca, molto occidentale, della felicità. Il dilemma di Ka ruota intorno al confronto tra Occidente e Islam.

Note su Orhan Pamuk

Ferit Orhan Pamuk è nato ad Istanbul il 7 giugno del 1952. E’ cresciuto in una famiglia benestante, suo padre era dirigente dell’IBM. Studia presso il liceo americano Robert College di Istanbul e poi si iscrive alla facoltà di Architettura dell’Università Tecnica di Istanbul. Lascia gli studi tre anni dopo, per iscriversi alla facoltà di Giornalismo. Durante questo periodo inizia a scrivere romanzi. La sua prima opera si intitola “Oscurità e luce” (1974). Lo stesso romanzo viene ripubblicato nel 1982, con il titolo “Il signor Cevdet e i suoi figli”, con il quale vince numerosi premi e riconoscimenti. Consegue la laurea in giornalismo nel 1977. Nel 1982 sposa Aylin Turegen, con la quale avrà una figlia. La coppia divorzierà nel 2001. Durante la metà degli anni Ottanta, svolge alcune lezioni presso le università degli Stati Uniti, ma torna a Istanbul nel 1988. Nel 2005 è stato aspramente criticato da una parte dell’opinione pubblica per aver denunciato ad una rivista svizzera il massacro di armeni e curdi compiuto dai turchi durante la seconda guerra mondiale. Per tale motivo è stato anche incriminato nel 2005 dal governo turco, ma l’accusa è stata poi ritirata nel 2006 in quanto, secondo il nuovo codice penale, l’azione compiuta non rappresenta reato. Autore di numerosi romanzi, Pamuk, con uno stile sospeso tra il reale ed il fiabesco, racconta la realtà della Turchia divisa tra passato e presente. Nell’ottobre del 2006 viene insignito del Premio Nobel per la letteratura, divenendo il primo turco a ricevere il prestigioso premio. Ad oggi Orhan Pamuk è un autore di fama internazionale molto apprezzato sia dal pubblico sia dalla critica e vive tra Istanbul e New York.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Orhan Pamuk:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Neve e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.7 di 5 su 6 recensioni)

5.0Neve.., 27-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Tra i romanzi di Pamuk questo è quello forse più sperimentale, dove la fantasia dell'autore si scatena. Una storia d'amore tra un uomo e un paese, tra un uomo e una donna. L'uomo è un poeta che, vissuto lontano dalla sua nazione, pensa di poter colmare la lontananza creata dal tempo e dagli eventi.
Un libro di illusioni. Così come la neve è illusione di purezza e rinascita, Ka si illude su un nuovo inizio. Si illude di essere un altro. Altrove.
Ma la neve cade, soffice e pura, coprendo senza cambiare nulla.
Nostalgico, bello, tristissimo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Neve..., 23-02-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Penso che questo libro non possa meritarsi più di 2. Lento, malinconico, misterioso... Allo stesso tempo affascinante e noioso... Sarà la suggestione data dal titolo, ma questo libro mi ha ricordato proprio una lunga nevicata invernale.
Sullo sfondo di una città turca di confine, sospesa fra Oriente e Occidente, fra spirito laico ed estremismo religioso, tema centrale del libro è la disperata ricerca della felicità da parte di Ka, il protagonista.
Una ricerca che non può prescindere da intensi e profondi momenti di infelicità, che non trova conforto nella fede e nell'amore... Ma solo nell'ispirazione poetica e nella perfetta simmetria di ogni fiocco di neve.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Neve.., 22-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro non facile. Uno strato di neve avvolge ogni cosa. Attutisce i rumori. Acuisce la distanza millenaria tra l'Oriente e l'Occidente. La forma (o piuttosto la traduzione) è molto distante. Manca di linearità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Neve., 27-08-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Tema ricorrente e trasversale a tutto il romanzo: il contrasto tra tradizione e innovazione, ossia il conflitto oriente-occidente.
Le descrizioni sono molto suggestive e cariche di atmosfere.
Neve: lo scorrere del romanzo rievoca proprio lo scendere della neve, lenta, delicata, silenzosa, ma che si deposita gradualmente e si accumula ai margini delle strade dove "si ferma". Atmosfere dunque grigie e statiche ma cariche di tensioni.
I dubbi del protagonista e i suoi pensieri sono spunti per riflessioni e permettono di conoscere questa costante conrtaddizione tra occidente e Islam in un'ottica diversa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Una visione di frontiera tra oriente e occidente, 20-08-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo sorprendente in cui si intrecciano diversi punti di vista, culture e pensieri, alla ricerca di una verità, se questa esiste. Pamuk fa capire come sotto ogni posizione e ideologia possa celarsi il ricatto della libertà, il rischio o la certezza di perderla. Cosa sia la libertà e cosa aspiriamo a farne di questa libertà è poi un altro interrogativo che prende forma mentre si sfogliano le pagine. Il punto di vista extra-occidentale è che l’aspirazione occidentale sia la felicità, costi quel che costi, anche togliendole la consistenza, quella che deriva dal confronto, dal sacrificio se non dalla lotta, dal rispetto dei principi. Voi che avete reso trasparente, effimera e gratuita persino la felicità, cosa vorrete mai imporci? Quale pretesa di superiorità nutrite? Perché vi sforzate di comprenderci con accondiscendente benevolenza, quasi con compassione? Sono alcune delle domande che aleggiano nel libro, prodotte dalle caratterizzazioni di alcuni dei personaggi di Pamuk, mentre lui - l’autore - prova a tenere conto di tutto. Per trattare questi interrogativi e sfuggire a visioni di parte, Pamuk sceglie di guardare i fatti e le persone da un punto di vista al confine tra i due sistemi, al punto che dal romanzo vien fuori una visione di frontiera del mondo. La frontiera non solo è rappresentata fisicamente nella Turchia, un paese dall’equilibrio estremamente precario, con un piede in Europa e l’altro nel cuore dell’Islam, e in Kars, città di confine tra diverse regioni. L’autore si spinge fino a scegliere di far parlare un personaggio di frontiera come Ka, un poeta turco ma imbevuto di letteratura occidentale, alla ricerca della propria identità, o quantomeno di un dialogo con le proprie radici. Ma le domande del romanzo, così come la ricerca di Ka, non trovano soluzione; Ka non risolve la sua crisi di identità: infatti, viene visto dagli altri come “un poeta con la mente in Europa, il cuore tra i militanti del liceo religioso e la testa confusa”. Egli non riuscirà a portare con sé l’amata Ipek in Europa e verrà ucciso da tre colpi di pistola, quattro anni dopo il suo rientro in Germania. La sconfitta di Ka però non coincide con la sua morte; la sua fine tragica è solo l’epilogo di un amaro destino. Il romanzo lancia quindi degli interrogativi che non trovano risposta, ma aprono il dubbio della coscienza; sono in questo modo destabilizzanti per la sicurezza occidentale, che è così costretta a interrogarsi su se stessa. Il punto di forza del romanzo è proprio l’assenza di risposte tranquillizzanti e rassicuranti, il suo voler insegnare a tutti la complessità contro le facili semplificazioni.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0libro di illusioni, 10-08-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Soffice come la neve, silenzioso come la neve, freddo come la neve. una struggente storia d'amore. Bello e triste
Ritieni utile questa recensione? SI NO