€ 27.20€ 32.00
    Risparmi: € 4.80 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€Scopri come
La nascita del mondo moderno 1780-1914

La nascita del mondo moderno 1780-1914

di Cristopher A. Bayly

2.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi
Ben prima dell'inizio canonico della globalizzazione, fondamentali tendenze storiche rivelano l'interdipendenza dei cambiamenti politici e sociali a livello planetario. Eventi mondiali come le rivoluzioni europee del 1789 e del 1848 si riverberarono all'esterno mescolandosi con le convulsioni che si producevano all'interno di altre società. Dall'altro lato, eventi esterni all'emergente "nocciolo" europeo e americano dell'economia industriale contribuirono a plasmarne le ideologie forgiando nuovi conflitti politici e sociali. Nel corso di tali processi, anche le forme dell'agire umano si adattarono reciprocamente finendo con l'assomigliarsi dappertutto nel mondo. Attingendo a una mole sterminata di conoscenze, Bayly ripercorre il sorgere di uniformità globali nello Stato, nella religione, nelle arti, nei rapporti di genere, nelle ideologie politiche e nella vita economica nel corso del XIX secolo. Il quadro che si disegna è una "world history" che si sottrae a qualunque visione unidirezionale, che accetta di essere decentrata e segnata dalla discontinuità, dalle rotture non preannunciate e insieme dal permanere di antiche forme di dominio.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano La nascita del mondo moderno 1780-1914 acquistano anche Inghilterra vittoriana. Genesi e formazione di Clark G. Kitson € 14.25
La nascita del mondo moderno 1780-1914
aggiungi
Inghilterra vittoriana. Genesi e formazione
aggiungi
€ 41.45


Voto medio del prodotto:  2.0 (2 di 5 su 1 recensione)

2.0La nascita del mondo moderno, 28-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro interessante ma non appassionante, forse più per studiosi che per curiosi e dilettanti di storia.
L'autore appartiene alla scuola della world history.
I principali argomenti trattati: l’avvio della globalizzazione, i danni del lbero mercato (troppo libero ieri come oggi?) sulle economie dei paesi eufemisticamente chiamati “in via di sviluppo”, la formazione dei grandi stati nazionali, la riaffermazione delle grandi religioni in un periodo di apparente trionfo della scienza e della laicità.
Se è vero che chi non conosce la storia è condannato a ripeterla, questo libro può essere utile ma a condizione di essere molto motivati, puntigliosi e pazienti…
Ritieni utile questa recensione? SI NO