€ 7.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il mondo è una prigione

Il mondo è una prigione

di Guglielmo Petroni

4.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
Tra il 3 maggio e il 4 giugno 1944, a Roma, il giovane letterato Guglielmo Petroni viene arrestato dai nazifascisti e condotto in carcere, dove subisce interrogatori e torture. Finché, con l'arrivo degli Alleati, viene salvato dalla condanna a morte e può far ritorno alla patria Lucca. Nuovamente libero, affronta il faticosissimo viaggio verso la città natale in preda a una sorta di smarrimento esistenziale e di spaesamento. Rievoca il tempo appena trascorso e ne ricava il dubbio che forse, in assenza di vera comprensione del prossimo e di vicinanza reciproca, non solo il carcere, bensì tutto il mondo si rivela una prigione. Scritto tra il 1944 e il 1945 e più volte ristampato, il libro è considerato tra i migliori esempi di memorialistica resistenziale.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 2 recensioni)

4.0Un altro Primo Levi, 24-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Petroni non racconta un'epopea, prende le distanze da qualsiasi celebratività dell'eroismo e del sacrificio, vive quanto gli accade con una sorta di distacco emotivo, e più che sulla storia, la politica, la guerra, la tirannia si scopre a riflettere sulla condizione umana che tutti incarcera, sui muri dentro di noi prima di quelli intorno. E' il racconto, scarno come si deve a un toscano, della prigionia di carcere in carcere fino a Via Tasso di un giovane trovato a distribuire volantini in un'epoca dove il dissenso pagava e come. Per questo merita senz'altro la lettura.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il mondo è una prigione, 23-02-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Approfittate del fatto che è stato ripubblicato da Feltrinelli. E' il racconto, scarno come si deve a un toscano, della prigionia di carcere in carcere fino a Via Tasso di un giovane trovato a distribuire volantini in un'epoca dove il dissenso pagava e come. Ma la storia non è finita qui: già allora Petroni avvertiva un doloroso senso di abbandono che feriva più dell'ambiente carcerario. Anche dopo la guerra questo perdurò: difficoltà economiche e ottusità editoriale e politica resero difficilissima la pubblicazione del libro. E come spesso avviene, i riconoscimenti arrivarono in massa dopo la sua morte. Se non altro un po' di diritti d'autore agli eredi, visto che lui, da uomo onesto, non aveva una lira.
Ritieni utile questa recensione? SI NO