Cerca
 
Start
 

Il mondo che cambia. Come la globalizzazione ridisegna la nostra vita

Il mondo che cambia. Come la globalizzazione ridisegna la nostra vita

3.0

di Anthony Giddens


  • Prezzo: € 10.50
  • Nostro prezzo: € 9.97
  • Risparmi: € 0.53 (5%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
ATTENZIONE!
Stai ordinando per Natale? Questo prodotto non arriverà in tempo

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

RACCOGLI BEENZ E RICEVI FANTASTICI PREMI!
Acquistando questo prodotto raccogli 20 beenz o più.   Scopri come
Aggiungi al carrello

Descrizione

Il termine "globalizzazione" si spreca ormai nei giornali e alla TV, nei discorsi dei politici, nelle analisi pi¨ fini come pure nella vulgata pi¨ superficiale. E tuttavia Ŕ da qui che Giddens trae spunto per offrire una lettura originale delle trasformazioni in atto nella nostra esistenza, che mette in relazione il macro con il micro, la dimensione economica e politica con la vita intima dei singoli. Nazione, famiglia, lavoro, natura e tradizione non sono pi¨ quello che erano un tempo. Il nuovo mondo ha bisogno di pi¨ governo e di una nuova decisionalitÓ, che sappia trasferire dal privato al politico quella che Giddens chiama "democrazia delle emozioni".

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Il mondo che cambia. Come la globalizzazione ridisegna la nostra vita acquistano anche La civiltÓ dell'empatia. La corsa verso la coscienza globale nel mondo in crisi di Jeremy Rifkin € 9.35
Il mondo che cambia. Come la globalizzazione ridisegna la nostra vita
aggiungi
La civiltÓ dell'empatia. La corsa verso la coscienza globale nel mondo in crisi
aggiungi
€ 19.32


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti


Scrivi una nuova recensione su Il mondo che cambia. Come la globalizzazione ridisegna la nostra vita e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)


3.0 Giddens, 27-09-2010
di M. Del prete - leggi tutte le sue recensioni

Non tra i migliori di Giddens. inoltre a mio parere risente un po', visto il taglio molto legato alla cronaca, di essere antecedente alle torri gemelle. Forse troppo colloquiale (sono testi radiofonici), anche se alcune considerazioni sulla laicizzazione della tradizione e sulla democrazia della emozioni restano importantissime

Ritieni utile questa recensione? SI  NO