€ 9.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
I miei amici cantautori

I miei amici cantautori

di Fernanda Pivano

3.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
Dai giganti Bob Dylan "una specie di Omero del ventesimo secolo" e De André, "il nostro poeta più bravo", ai maledetti Jim Morrison e Kurt Cobain, Fernanda Pivano incontra e racconta i poeti rock. Scrive a Vasco Rossi "le tue mani grondano immaginario collettivo" e spiega Ligabue "un miracolato, capace di dire la cosa più giusta, semplice e popolare al momento giusto". E poi ancora Jovanotti, o Vinicio Capossela, Laurie Anderson, David Bowie, John Cage, Piero Ciampi, The Fugs, Francesco Guccini, Lou Reed, Patti Smith, Bruce Springsteen. Il libro raccoglie il meglio dei suoi scritti sull'argomento, introdotti e commentati da pagine inedite.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)

3.0Un testo bello ma precario, 01-10-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Fernanda Pivano è la chiave di lettura per capire i testi e i contesti di molti cantautori italiani. Non è solo colei che ha tradotto la "beat generation" in italiano, consentendoci il confronto con uno stile di vita e di arte che altrimenti ci sarebbe rimasto ignoto chissà per quanto, ma è anche colei che ha scavato a fondo dietro le canzoni e dietro gli autori, grazie anche all'amicizia personale con molti di loro. Il testo è una raccolta di aneddoti, di serate improvvisate, di piccole confessioni personali. Da De Andrè a Cobain, da Bob Dylan a Ligabue fino a Capossela che cita, a sua volta, Jeff Buckley.
Come sarebbe chiacchierare con loro sul divano di casa? Fernanda Pivano lo ha fatto. Ma detto questo la raccolta non ha altre pretese e risulta, alla fine, insoddisfacente, se non come appagamento di una curiosità personale su alcuni artisti. Resta, comunque, il pregio di aver creato un filo conduttore che leghi letteratura e musica, e ne identifichi le radici comuni.
Un testo utile, in definitiva, ma obiettivamente non molto entusiasmante: puntuale ma incompleto, vero ma precario.
Ritieni utile questa recensione? SI NO