€ 12.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Middlemarch

Middlemarch

di George Eliot

4.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
Pubblicato a puntate tra il 1871 e il 1872, "Middlemarch" è, nel variegato paesaggio del romanzo inglese di fine Ottocento, tra i punti più alti mai raggiunti in termini di capacità di rappresentazione della complessità delle psicologie e di attenzione quasi d'ordine sociologico all'ambiente sociale (il sottotitolo, "Studi di vita in provincia", definisce da subito il contesto). Al centro della storia è proprio l'immaginaria cittadina inglese di Middlemarch, all'interno della quale si articolano i destini di quattro personaggi e di due matrimoni infelici, indagati da George Eliot nei loro più impercettibili interstizi attraverso lo strumento chirurgico di uno stile espressivo sempre acuminato. Il romanzo che permette di comprendere la solidissima fragilità dell'Inghilterra vittoriana.


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Middlemarch e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 4 recensioni)

5.0Middlemarch, 16-05-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Da accostare a Balzac per la ricchezza lessicale e contenutistica. Due parole sui personaggi, innanzitutto: sono così profondamente sfaccettati che li crederesti veri. Non ci sono buoni, non ci sono cattivi; semplicemente uomini e donne che reagiscono diversamente ad eventi epocali e a forze esterne che irrompono nella vita di un tranquillo borgo di campagna (una metafora che riassume la forza esterna della modernità è l'arrivo della ferrovia che ridefinisce i confini della vita e ne accellera i tempi). Ogni personaggio ha una sua traiettoria e questa non appare stabilita a priori ma ridefinita dagli eventi; chi combatte con i propri fantasmi, le proprie paure (Fred Vincy), chi cerca nel sapere di elevarsi e di rinnegare una ricchezza che non ha voluto (Dorothea); i personaggi fissi sono pochi e destinati ad una fine misera (il povero Casaboun per primo e poi lo zio di Dorothea). È anche vero però che un personaggio come Lydgate, molto simile a Dorothea come indole, farà una fine opposta a quella della protagonista. Le idee darwiniane hanno sicuramente influenzato il romanzo; la Eliot mette a punto qui una scrittura pressoché scientifica, con l'intento di ricreare, come in vitro, la realtà; la vita, però, i personaggi stessi lo dimostrano, fugge e muta forma: così fa anche il romanzo. Da romanzo di formazione elevato alla quarta (almeno io ho contato quattro bildung: Dorothea, Lydgate, Fred Vincy e Ladislaw), Middlemarch assume le sembianze ed usa i meccanismi del romanzo gotico per narrare il passato del misterioso Bulstrode. Che dire poi delle parole finali? Ci è riassunta tutta la filosofia della Eliot: la Storia è fatta soprattutto da donne e uomini come Dorothea e gli altri: piccoli fiumi sotterranei che scorrendo taciti condizionano gli Eventi, quelli con la "e" maiuscola appunto. Vi ricorda qualcosa? Effetto farfalla, anyone? Comunque, nel cassetto del cuore d'ora in poi, insieme a "Illusioni perdute" di Balzac...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Middlemarch, 22-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Buona trama e discreta capacità di formare i personaggi. Middlemarch è un libro importante nel panorama dei libri di questo genere e di questo tempo... Un occhio attento e vigile sulla società e sul mondo, un libro che va al di là del racconto di intrecci amorosi e frivolezze. Qui ci sono le relazioni familiari, la politica, l'etica, il lavoro, l'amore. Il mio giudizio è pertanto assolutamente positivo, e anzi, credo che sia un'opera sottovalutata.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Middlemarch, 14-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
La prima cosa che viene in mente guardando Middlemarch è che George Eliot pensasse che i suoi lettori non avessero una vita.
Il che è anche probabile, all'epoca.
Tuttavia una volta superato lo scoglio psicologico della mole del libro (800 e passa pagine) , la vicenda ti prende.
Virginia Woolf diceva che Middlemarch era il primo romanzo scritto per persone adulte, ed é vero.
I personaggi non sono mai schematici. Il presentarli talvolta tramite il filtro della loro interiorità, talvolta tramite il giudizio apparentemente super partes dell'autrice, ma che in realtà è spesso molto ironico nei confronti delle sue creature, talvolta solo tramite le loro azioni, porta a farsi ingannare dalle apparenze esattamente come si fa nel giudicare normalmente le persone.
Le vicende che in un tipico romance vittoriano avrebbero portato a uno scontato lietofine, in Middlemarch rivelano tutto il loro squallore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Imperdibile., 24-09-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Un classico davvero imponente per mole e contenuti. In questo libro c'è davvero tutto: amore, sofferenza, tensioni sociali, potere, ambizioni, frustrazioni e grandi cambiamenti storici. La Eliot ricostruisce in maniera esemplare un piccolo microcosmo, quello di Middlemarch, e alla fine pare anche a noi di aver gioito, lottato e amato con i meravigliosi personaggi. Entra di diritto nei classici preferiti di sempre.
Ritieni utile questa recensione? SI NO