Metello

Metello

4.5

di Vasco Pratolini


  • Prezzo: € 9.50
  • Nostro prezzo: € 8.93
  • Risparmi: € 0.57 (6%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Metello e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 4 recensioni)

4.0Metello, 09-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Sullo sfondo delle lotte sindacali di inizio Novecento, le esperienze di Metello, un giovane muratore un po' vanesio che finisce quasi suo malgrado per diventare agitatore, e sua moglie Ersilia, una donna forte e silenziosa (più forte di lui, probabilmente). Da leggere
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Quando vivere era davvero un'impresa, 16-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho sinceramente apprezzato questo lavoro, non solo per la dettagliata illustrazione della situazione e della società italiana degli inizi del '900, ma anche per il fatto che faccia capire cosa vuol dire sudare sette camicie per tre lire alla settimana ritrovandosi poi con una famiglia sulle spalle che soffre la fame. Ho trovato la storia narrata molto interessante e toccante e perciò mi sembra davvero strano sentire invece dire da alcune persone che sia "noiosa". Forse dicono così semplicemente perché non hanno capito come deve essere letto un libro del genere, che a mio avviso è da consigliare e commentare più che positivamente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La fatica del lavoro, dei diritti, della vita, 04-10-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Capolavoro proletario, completa la trilogia di Pratolini ponendo attenzione al ceto meno abbiente. “Metello”, storia di una crescita che è umana, politica e civile (tra amori fanciulleschi, conoscenza della fatica, acquisizione di diritti) è romanzo ingenuamente neorealista, utile tuttavia per comprendere una poetica (il verismo italiano dell’immediato secondo dopoguerra) e le rivendicazioni che animano l’arte e la società nella fase delicata dell’affermazione della Repubblica. Orfano, allevato nel contado, muratore in un cantiere, Metello, tuttavia, è figura che a ben guardare ciò che ci circonda vive ancora: è la pluralita di sottopagati dell’economia contemporanea; è ogni singolo lavoratore che perde orgoglio, pio diritti, poi lavoro; è lo straniero abiettamente sfruttato nei campi o sulle impalcature. Leggerlo, quindi, vuol dire ancora leggere parte del mondo che ci cinge. A ingiustizia. Lo consiglio con calore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Italia ieri e oggi, 29-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Firenze agli inizi del '900... è passato più di un secolo, e allora perché mi richiama alla mente i recenti fatti di Pomigliano? Non è che forse a livello di libertà e diritti civili stiamo mostruosamente regredendo?
Ritieni utile questa recensione? SI NO