€ 7.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La metamorfosi

La metamorfosi

di Franz Kafka

4.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
Nell'autunno del 1912, a Praga, tra 17 novembre e il 7 dicembre, Franz Kafka scrisse "La metamorfosi", l'incubo sotterraneo e letterale di Gregor Samsa, un commesso viaggiatore che si sveglia un mattino dopo sogni agitati e si ritrova mutato in un enorme insetto. La speranza di recuperare la condizione perduta, i tentativi di adattarsi al nuovo stato, i comportamenti familiari e sociali, l'oppressione della situazione, lo svanire del tempo sono gli ingredienti con i quali l'autore elabora la trama dell'uomo contemporaneo, un essere condannato al silenzio, alla solitudine e all'insignificanza.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su La metamorfosi e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4.1 di 5 su 43 recensioni)

2.0Non ho colto il senso , 26-01-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
"La metamorfosi" è un racconto breve, e non mi è piaciuto. La trama è molto semplice: il protagonista si sveglia una mattina e scopre di non essere più un essere umano ma un gigantesco insetto. Si prova un senso d'angoscia perché l'insetto, nonostante le sembianze, ha ancora l'intelletto di un uomo, quindi comprende tutto ciò che succede: si accorge del terrore che la madre prova per lui e della disperazione in cui cade la sua famiglia, che decide di tenerlo imprigionato nella sua camera, dandogli il cibo e l'acqua. Il protagonista, quindi, si deve adattare alla sua nuova condizione, e scopre ad esempio che può salire sui muri e stare a testa in giù. La sua disperazione fa sì che non sia difficile capire come va a finire.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0La metamorfosi, 16-07-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
L'opera racconta di un uomo comune, Gregor Samsa, che una mattina si sveglia e si accorge di essere diventato un enorme scarafaggio. La sua prima reazione è di sgomento, poi di preoccupazione soprattutto riguardo il lavoro, perché lui è l'unico a lavorare in famiglia. Cerca di tener nascosto alla famiglia e al suo datore di lavoro questo mutamento, ma non ci riesce, infatti questi ultimi riescono ad entrare nella stanza. La vista di Gregor provoca nei familiari reazioni di orrore. Durante i mesi seguenti, l'unica persona che si prende cura di Gregor è Grete, sua sorella, mentre il padre e la madre continuano ad avere atteggiamenti ostili verso di lui. Una volta, infatti, Gregor esce dalla sua stanza e provoca lo svenimento di sua madre e l'attacco del padre, che gli scaglia addosso delle mele, una delle quali lo ferisce. Dopo poco tempo viene abbandonato anche dalla sorella e smette di mangiare, arrivando a una morte lenta, causata dal rifiuto della famiglia verso di lui. Per la famiglia, infatti, lui è diventato un peso, e il padre vorrebbe addirittura liberarsene. Il cadavere di Gregor viene infine gettato nella spazzatura insieme al suo ricordo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Capolavoro, 29-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo racconto lungo è geniale e stupendo. E' sicuramente una metafora di una condizione umana, quella impiegatizia che a poco a poco rischia di annullare la propria identità nel lavoro impiegatizio. Per quanto riguarda la psicologia dei personaggi, mi ha scioccato la reazione della sorella soprattutto. Capolavoro
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Bellissimo ma angosciante, 21-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un'opera straordinaria che spiega il perché non passi mai di moda e continui ad appassionare i giovani, generazione dopo generazione. Un individuo che si ritrova trasformato in uno scarafaggio e che rimane schiacciato nella sua alienazione, è uno spunto di riflessione forte e profondo. Purtroppo nella nostra società tutti ci troviamo alienati da un modo di vivere non naturale e che, spesso, è poco aderente alle nostre vere potenzialità. La metafora è terribile, ma significativa. Il messaggio arriva.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0La metamorfosi, 13-03-2012, ritenuta utile da 24 utenti su 26
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi dispiace andare terribilmente contro corrente però ho trovato questo libro veramente pesante e noioso, a tratti anche angosciante, come se fossi in uno di quei incubi pesanti causati dalla febbre alta.
Non so, c'è qualcosa che mi annoia terribilmente nel modo di scrivere di Kafka, credevo che fosse semplicemente perchè quando dovevo leggere un qualche suo scritto ero obbligata dai professori, ma invece no, dato che ne ho riletti alcuni una volta cresciuta. Ma si sa, "de gustibus...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La metamorfosi, 05-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro veramente molto particolare. Lo lessi tanti anni fa, ma ne serbo un ottimo ricordo, perchè pur ancora ragazzo lo trovai geniale. Suscita innumerevoli riflessioni, quindi ancor di più lo consiglio, direi che ai ragazzi risulterà una lettura un pò in salita, ma credo che alla maggior parte possa piacere. Adatto a tutti. Capolavoro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Una metafora significativa, 18-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro che dietro la sua semplice trama tratta temi importanti e profondi. Colpisce come l'autore abbia parlato in modo implicito anche della sua vita in questo racconto attraverso la metafora dello scarafaggio dimenticato. Dietro al personaggio di Gregor Samsa si nasconde l'uomo debole, dimenticato ed indifeso, lasciato solo dai più forti. Da leggere!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La metamorfosi, 01-09-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
"La metamorfosi" è un libro che forse esprime realmente il ruolo dell'individuo comune nella società. Società corrotta dal pregidizio, dalla falsità, dall'ipocrisia, che viene narrata dalla penna di questo autore. Un'opera, che a tratti può sembrare frutto di pura fantasia, tanto da raggiungere, qualche volta, un aspetto buffo, è in realtà una profonda analisi sociale, che lascia intravedere uno sfondo soggettivo causato dal turbamento dell'autore nel vivere in una realtà da lui disgustata.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Meravigliosa., 24-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un'opera d'arte. Meraviglioso racconto, per apprezzarlo totalmente bisognerebbe leggerlo più volte, una per ogni grado di comprensione che l'autore riesce a sfiorare: questo libro, infatti, può essere letto con il gusto del fantastico, del surreale, dell'incredibile (resta così una storia interessante, ipnotica ma comunque simile a tante altre del genere) oppure può essere letto col gusto dell'allegoria, cercando di andare oltre gli aforismi e le immagini che, senza farlo pesare, vanno ben oltre la trama del romanzo e intaccano nel vivo il sociale, il quotidiano di tante vite. "La metamorfosi" è una storia che ho amato particolarmente: la consiglio a tutti, persino ai ragazzini più vispi che hanno il piacere delle storie di questo genere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La metamorfosi, 06-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Si parte con la metamorfosi di Samsa da uomo a scarafaggio, che è un evento repentino ed inaspettato, che in quanto tale sconvolge inevitabilmente la vita del protagonista e della sua famiglia. La tematica al centro del brevissimo racconto kafkiano, che senza fatica (anzi, piacevolmente! ) si legge tutto d'un fiato, è il mutamento dei legami familiari, che in un rapporto di diretta proporzionalità col cambiamento del protagonista, degenerano senza possibilità di riscatto. Il finale del racconto lascia un po' l'amaro in bocca, perfettamente aderente allo stile di Franz Kafka, eppure è sicuramente un testo da leggere!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Carino, 02-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Nel racconto, kafka esprime simbolicamente, l'incapacità dell'uomo contemporaneo di modificare la realtà che lo circonda e di intervenire sulle regole sociali che lo " stritolano " lentamente, in quanto non ne conosce le ragioni e gli scopi. Lo consiglio a tutti gli appasionati dei racconti fantastici.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La metamorfosi, 12-04-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Letto molti anni fa, dava una sensazione di angoscia e tristezza, sradicamento e straniamento. Si inizia rapiti dalla capacità evocativa della scrittura, dalla raffinatezza nel governo delle parole.
E' un peccato non avere gli strumenti critici per entrare nel dettaglio della costruzione kafkiana, cogliendo il senso ultimo delle sue allegorie da girone dantesco di primo '900, in cui l'inferno non è all'altro capo del mondo, ma in casa propria.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su La metamorfosi (43)