€ 11.05€ 13.00
    Risparmi: € 1.95 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Memorie di una reginetta di provincia

Memorie di una reginetta di provincia

di Alix K. Shulman

3.0

Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Einaudi. Stile libero
  • Traduttore: Guzzoni M.
  • Data di Pubblicazione: luglio 2008
  • EAN: 9788806193355
  • ISBN: 880619335X
  • Pagine: 272
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi
Quando Sasha viene nominata Miss Ballo delle Reginette di Provincia, il concorso di bellezza più famoso del Middle West, tutti pensano che per il solo fatto di essere avvenente avrà la strada spianata. Peccato che a Sasha il ruolo sociale predefinito "marito-figli-casa perfetta" faccia orrore e lo consideri una galera. Anzi per lei, autentico spirito libero, anche la bellezza è prima di tutto un impedimento. L'unica via quindi, in quell'America degli anni Sessanta, è sparire, mollare tutto. E partire per l'Europa, alla ricerca di nuove persone, e della nuova se stessa. Questo romanzo è la coraggiosa, provocatoria cronaca della sua "liberazione". Quando "Memorie di una reginetta di provincia" fu pubblicato per la prima volta nel 1972, fu la rivoluzione. Era arrivato il primo grande libro uscito dal '68 e dal movimento di liberazione delle donne. L'America benestante e benpensante si vide ferocemente ritratta coma una casta sessista e bacchettona che penosamente opponeva valori retrogradi a un mondo che stava diventando "moderno". Sebbene la carica provocatoria del libro col tempo sia in parte scemata, le avventure un po' maldestre di Sasha Davis mettono in luce contraddizioni ancor oggi irrisolte.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)

3.0Un romanzo femminista, 10-05-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro che alla sua uscita ha fatto scalpore per la spregiudicatezza del linguaggio e per aver osato toccare argomenti tabù, ma in realtà, dietro la sua apparente disinibizione, la protagonista è drammaticamente legata alle convenzioni di una società sessista quale poteva esserlo l'America degli anni '50. Già perché le sorridenti casalinghe delle pubblicità dei Kellog's sono in effetti avvolte da un invisibile burka e la pena per chi tenta di toglierselo di dosso consiste in umiliazioni e crisi depressive.
Ritieni utile questa recensione? SI NO