€ 7.65€ 9.00
    Risparmi: € 1.35 (15%)
Disponibilità immediata Metti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Memoriale del convento

Memoriale del convento

di José Saramago

4.5

Disponibilità immediata

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Feltrinelli
Nel Portogallo del primo Settecento dominato da Inquisizione e auto da fé, incrociano i loro destini personaggi opposti e complementari: Giovanni V re di Portogallo, che per la grazia ricevuta di un erede avvia la faraonica costruzione del convento di Mafra; padre Bartolomeu Lourenco de Gusmào, che mescola scienza e misticismo nel progetto di vincere la gravità con una macchina per volare; Baltasar Mateus il Sette-Soli, ex soldato monco di una mano; Blimunda la Sette-Lune, giovane dotata di poteri occulti che a Baltasar si lega di tenacissimo amore; e il musicista Domenico Scarlatti. In questo prodigioso romanzo storico e d'invenzione, utopia e morte, riso e tragedia, affresco corale e struggente vicenda personale, immaginazione sfrenata e spirito critico si coniugano nella voce, ironica e compassionevole assieme, del narratore messo di fronte all'ipocrisia e all'arroganza dei tempi, ma anche ai primi sintomi di un rinnovamento sociale e culturale.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Memoriale del convento acquistano anche Il Vangelo secondo Gesù Cristo di José Saramago € 8.50
Memoriale del convento
aggiungi
Il Vangelo secondo Gesù Cristo
aggiungi
€ 16.15

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di José Saramago:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.3 di 5 su 15 recensioni)

4.0Viaggio nel passato, 20-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
La scrittura di Saramago è una delle più peculiari, coinvolgenti e complesse che io abbia mai letto. Non è semplice. Iniziare a leggere Memoriale del convento è un po' come entrare in un ambiente ricco, ricchissimo, denso, a cui il nostro occhio deve fare il callo per poter cogliere tutti gli elementi, perché non può bastare una lettura superficiale con Saramago, assolutamente no. Ogni frase, a volte ogni vocabolo utilizzato, ha un valore non da poco, e maschera uno stile affascinante, un uso disinvolto e non sempre aperto di un'ironia eccezionale, grazie alla quale la Storia viene reinterpretata, reinventata, ironizzata e un po' demitizzata.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Domenico Scarlatti, 09-01-2012, ritenuta utile da 48 utenti su 54
di - leggi tutte le sue recensioni
Su questo libro è stato scritto il desiderabile e credo sia superfluo da parte mia aggiungere altre lodi, per quanto meritate. Basti dire che l'ho letto due volte, ho preso atto della sua torrenzialità narrativa e anche della sua difficoltà, cioè inserire un elemento fortemente fantastico in un contesto di storia patria trattato in modo puntuale.
La figura più originale, a mio avviso, è quella del clavicembalista Domenico Scarlatti, un colosso della musica barocca che tuttavia è assai più studiato ed eseguito di quanto non sia ascoltato. Egli, detto Monsignor Escarlata, fu davvero un visionario che preferì una vita quasi oscura in Spagna e Portogallo al rutilante ambiente napoletano, pur di seguire la sua inclinazione all'intimismo compositivo. La presenza di Scarlatti nel libro è, secondo me, il tocco più suggestivo dell'intera narrazione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Memoriale del convento, 16-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
E' il primo libro di Saramago a cui mi accosto. E non credo sia un libro da leggere sotto l'ombrellone. La scrittura originalissima permette di immedesimarsi a pieno coi pensieri dei personaggi e le considerazione dell'autore, ma, se non siete disposti ad una certa concentrazione, a volte, stanca. Insomma temo che un certo modo di scrivere "naif" possa soffocare un pò la trama che resta comunque molto suggestiva.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Memoriale del convento, 14-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Una volta superate le prime cento pagine la lettura è in discesa. Spesso si devono ascoltare stucchevoli polemichette italiote, ogni volta che vengono annunciati i Nobel per la letteratura, riguardo al merito dei premiati. Spero che nessuno abbia più dubbi che la buonanima di Saramago quel premio se l'è meritato ampiamente; e se ancora ne aveste, di dubbi, leggetevi questo e statevi zitti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Memoriale del convento, 08-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Lettura intensa, lo stile di Saramago non è poprio il più semplice. La storia è basata su fatti storici realmente accaduti, che Saramago mescola molto abilmente con storie minori di personaggi di fantasia. Questo duplice livello della storia risulta moto intrigante e costituisce molto del fascino del libro. La lettura però, come ho già detto, risulta essere molto faticosa e lenta. La prosa è comunque sempre di livello molto elevato e risulta essere sempre gradevole. L'autore mescola poi anche il fantastico in questa storia di matrice storica, ottenendo un risultato di livello sicuramente molto elevato: direi quasi che nella cornice storia in cui viene inserito, il tema fantastico risulta quasi verosimile. Da leggere, con calma e pazienza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Memoriale del convento, 05-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Bisogna stare molto attenti a come si approcia la scrittura di Saramago. Vibrante, ricca e plastica come le facciate manueline delle chiese di Lisbona. Il Memoriale è uno di quei libri in cui entri a fatica, districandoti tra i lunghissimi periodi, le virgole, le liste di luoghi e di persone, ma una volta che sei entrato ti avvolge come le spire di un serpente o come una foresta inesplorata, come il cespuglio di rovi che nasconde alla vista degli umani la macchina volante di padre Bartolomeu. E' un libro faticoso, ed è la fatica che gli fa perdere la quinta stellina, tante volte sono dovuta tornare indietro nella lettura perché in un apparente estetica lista di persone, eventi, luoghi incidentava un concetto importante per il prosieguo della storia, o una perla di poesia o di saggezza.
E poi l'attenzione agli umili, l'ironico disprezzo dei potenti, il rammarico tragico per l'inutile scempio che la religione e il potere fanno dell'umana vita; un finale sospettato per tutto il libro, che infine sembra destinato a non esserci e invece ci sarà, ineluttabile.
Difficile entrarci, dicevo, ma quando poi ne esci, con l'ultima pagina, il desiderio è di ritrovare quella scrittura ricca e corposa, quei personaggi fisici e spirituali.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un libro imperdibile, 24-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Saramago è certamente un autore di difficile lettura, per via del suo particolare stile di scrittura, ma la sua grandezza come narratore è indiscutibile. Questo libro è per me il suo capolavoro e uno dei più belli che io abbia mai letto. Riesce a fondere storia e finzione, realtà e magia, sogno e dramma come solo un alchimista della parola potrebbe fare. Un'avventura umana che racconta in maniera incisiva l'assurdità del Potere e la bellezza dell'Amore che travalica ogni cosa. Un inno alla Volontà che tutto può, anche far volare gli uomini in cielo... Stupendo. Grazie, Josè!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Memoriale del convento, 25-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Autore realmente esigente con i suoi lettori. Non vi fermate alle prime difficoltà. Sono senza parole, perché questo libro me ne ha lasciate troppe in testa, sopratutto quelle 270 righe senza un punto! Saramago ha uno stile che non si può descrivere, è suo, è pieno, è totale. Chiudendo la copertina per l'ultima volta, dopo l'ultima pagina, sono stata presa da una malinconia incredibile, come se aver finito questo libro, che mi ha riempito la vita per un mese, mi avesse improvvisamente lasciato sola in un mondo svuotato. Per di più, dopo questo finale così veloce, così essenziale: inaspettato dopo tutte queste parole. E quello che è magnifico è che si ha l'impressione che questo fosse l'unico finale possibile, che non potesse essere altro che questo.

Sarebbe da leggere, rileggere, ri-rileggere, all'infinito, solo questo, per tutta la vita.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Da leggere, 23-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Con uno stile molto particolare evoca immagini buie e altre incredibilmente luminose. C'è un po' di tutto: un amore destinato puro e tenerissimo, l'angoscia delle tremende persecuzioni dell'inquisizione, il coraggio, la lealtà dell'amicizia, la libertà e la ribellione. Piacevolissima lettura.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Memoriale del convento, 16-02-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho avuto questo libro in regalo per il mio compleanno. Il primo impatto con Saramago è la sua scrittura. Vibrante, ricca e plastica come le facciate manueline delle chiese di Lisbona. Il Memoriale è uno di quei libri in cui entri a fatica, districandoti tra i lunghissimi periodi, le virgole, le liste di luoghi e di persone, ma una volta che sei entrato ti avvolge come le spire di un serpente o come una foresta inesplorata, come il cespuglio di rovi che nasconde alla vista degli umani la macchina volante di padre Bartolomeu. E' un libro faticoso, ed è la fatica che gli fa perdere la quinta stellina, tante volte sono dovuta tornare indietro nella lettura perché in un apparente estetica lista di persone, eventi, luoghi incidentava un concetto importante per il prosieguo della storia, o una perla di poesia o di saggezza.
E poi l'attenzione agli umili, l'ironico disprezzo dei potenti, il rammarico tragico per l'inutile scempio che la religione e il potere fanno dell'umana vita; un finale sospettato per tutto il libro, che infine sembra destinato a non esserci e invece ci sarà, ineluttabile.
Difficile entrarci, dicevo, ma quando poi ne esci, con l'ultima pagina, il desiderio è di ritrovare quella scrittura ricca e corposa, quei personaggi fisici e spirituali.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Memoriale del convent, 18-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Un altro meraviglioso libro di Saramago capace con la sua scrittura ipnotica di ammaliare e appassionare fino all'ultima riga. Il leit motiv è la storia della costruzione del convento di Mafra come voto da parte del re Giovanni per l'arrivo del desideratissimo erede, ma poi nel racconto troviamo sia eventi e personaggi storicamente esisiti (come padre Bartolomeu) e sia personaggi della storia "minore" come Baltasar e Blimunda che rappresentano e incarnano il popolo portoghese.
L'amore tra questi due poi è raccontato in un modo così particolare da avermi quasi commossa.
E poi troviamo l'Inquisizione, i roghi, lo spirito illumista, la critica contro l'ottusità, il mistero qusi soprannaturale di un "uccellaccio" capace di volare.
Insomma: è bellissimo e assolutamente da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Memoriale del convento, 03-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Personaggi e fatti reali si intrecciano con la storia di due personaggi inventati nel Portogallo del 1700, durante la costruzione del convento di Mafra, nel periodo dell'Inquisizione.
Profondo, commovente, impregnato dello stile e dell'umorismo di Saramago, di cui ormai credo di non poter fare più a meno
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Memoriale del convento (15)