€ 6.80€ 8.00
    Risparmi: € 1.20 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il meglio che possa capitare a una brioche

Il meglio che possa capitare a una brioche

di Pablo Tusset

3.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Universale economica
  • Traduttore: Gibilisco T.
  • Data di Pubblicazione: maggio 2008
  • EAN: 9788807817793
  • ISBN: 8807817799
  • Pagine: 310
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Feltrinelli
Cosa succede quando Pablo Baloo Miralles, trentenne disadattato e arrogante, fannullone, misogino, oltre che pecora nera e noto filosofo della Rete, si trova coinvolto in un mistero nel quartiere più "figo" di Barcellona? A bordo di un coupé, Pablo ci guida nei meandri di una storia ricca di allegri sprazzi alcolici, divagazioni veneree, sulle tracce di suo fratello Sebastián, detto The First, presidente della Miralles & Miralles, la prospera azienda di famiglia. Una fuga con l'amante? La vendetta di qualche impostore della concorrenza? Un rapimento? L'agitazione dei familiari costringe Pablo a improvvisarsi detective nelle viscere di un'inedita Barcellona dalle mille meraviglie.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  3.0 (2.9 di 5 su 18 recensioni)

1.0Tremendo, 12-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Tutto fumo e niente arrosto. L'ho trovato deludente, di un sarcasmo stucchevole. Esibisce tutti i generi che si possano abbinare a un giallo, con saggezza, ma senza spessore. Resta uno sfoggio di tecnica nel padroneggiare vari stili el'intreccio si conclude come in un film d'azione ma di quart'ordine.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Eccentrico, 20-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Già dal titolo ci si può fare un'idea dello spirito che anima questo libro. "Il meglio che possa capitare una brioche è di essere imburrata". Che senso può avere una frase così? Il protagonista poi è una contraddizione continua, per cui di fronte a lui non si se se ridere o piangere, se porsi interrogativi profondi o scuotere la testa. Gradevole, ma nulla di eccezionale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Divertente ma non troppo!., 25-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un testo che inizialmente appare godibile e simapticissimo, per via della presenza di personaggi carismatici e ben caratterizzati, per poi trasformarmi in una noia totale, piena di ricorrenze banali e poco appropriate al ritmo del libro. Un giallo che sà quasi poco o nulla del giallo. Non mi sento di consigliarlo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Consigliato, 22-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un titolo interessante quello che ci propone lo scrittore barcellonese Tusset. Un giallo dove però non mancano risvolti sentimentali tipici di un romanzo. Eppure i personaggi, al di là di una caratterizzazione comica e ironicamente piacevole, mostrano ridondanza nel fare e il tutto appare monotono e poco intrigante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Piacevole, 22-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro simpatico, ironico e geniale, utile per spassarsi con una lettura fluida e intrigante. Unica nota dolente stà nel fatto che i personaggi appaiono monotoni nelle loro faccende, anche se bisogna ammeterne una piacevolezza nel carattere e nello stile in cui vengono a raccontarsi nella vicenda principale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Nulla d'eccezionale, 12-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Devo dire che questo libro mi ha permesso di ricredermi sul suo conto. Se inizialmente infatti, il giallo di Tusset si mostra accattivante e incalzante alla lettura, finisce poi con il dimostrarsi assolutamente ripetitivo e privo di uno sviluppo interessante. I personaggi sono davvero simpatici e carismatici ma ben presto si mescolano con l'andazzo generale e noioso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Nulla d'eccezionale, 08-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Bisogna ammettere che questo libro è portatore di una carica ironica e comica di grande impatto! Eppure all'occorrenza, i personaggi appaiono monotoni, seppure irresistibili e simpatici fin dalle prime pagine. Le loro abitudini si mostrano fin troppo ricorrenti, quasi banalmente portano a una fine poco appropriata!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Incerto, 07-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro con divertenti personaggi che però ben presto finiscono con il risultare noiosi e poco intriganti. Questo libro infatti si apre in modo piacevole me si lascia leggere con fatica già dalla prima metà. Lo scrittore avrebbe potuto adottare una scrittura amggiormente spensierata e non arricchire di dettagli di cui potevamo fare sicuramente a meno!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Godibile!, 06-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo fortemente divertente, comico e spassoso che riesce a regalare ore di piacere al lettore. La trama infatti, è gia di per sè intrigante, incalzante e divertente. Purtroppo però le abitudine del protagonista sono fin troppo ricorrenti, a volte la scrittura annoia e promette poco di buono. Tutto sommato godibile
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Un buon inizio, 19-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il meglio che possa capitare a una brioche è un romanzo davvero piacevole e divertente da leggere. Inizialmente colpisce per l'assurdità e la simpatia dei personaggi, cos'particolari e divertenti, descritti in un contesto bizzarro e divertente. Tuttavia le descrizioni appaiono fin troppo ripetitive e questo annoia in parte il lettore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Divertente! , 15-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo così divertente non lo leggevo da tempo ormai. Il romanzo mostra la propria comicità fin dalle prime pagine, attraverso una lettura spensierata e una scrittura leggera ma simpatica, capace di farti innamorare dei personaggi, ognuno con un proprio carattere da scoprire, da amare o da odiare. Tuttavia c è da dire che non sempre il libro mantiene il proprio stile e a volte potrebbe risultare legnoso nel racconto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Giallo burro, 08-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Fuochi di St. Joan
Le tinte gialle di questo romanzo sono giusto le sfumature del burro sulla brioche..! Infatti ogni nuova avventura di questo "inetto" post-contemporaneo si dipana sempre a partire da un sogno provocato dai fumi dell'alcool e dall'ebbrezza di un tiro di coca. Il racconto tutto sommato regge bene grazie alla simpatia del protagonista, investigatore improvvisato e solitario. Se della teoria del reale, elaborata dal "metaphisical club", non mi è rimasto proprio nulla, la lettura di per sé è divertente e poco impegnativa, costellata di piccole perle di ironia scanzonata.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Il meglio che possa capitare a una brioche (18)