€ 17.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
MAUS

MAUS

di Art Spiegelman

4.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Einaudi. Stile libero
  • Traduttore: Previtali C.
  • Data di Pubblicazione: novembre 2000
  • EAN: 9788806154950
  • ISBN: 8806154958
La storia di una famiglia ebraica tra gli anni del dopoguerra e il presente, fra la Germania nazista e gli Stati Uniti. Un padre, scampato all'Olocausto, una madre che non c'è più da troppo tempo e un figlio che fa il cartoonist e cerca di trovare un ponte che lo leghi alla vicenda indicibile del padre e gli permetta di ristabilire un rapporto con il genitore anziano. Una storia familiare sullo sfondo della più immane tragedia del Novecento. Raccontato nella forma del fumetto dove gli ebrei sono topi e i nazisti gatti.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Art Spiegelman:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su MAUS e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.7 di 5 su 23 recensioni)

5.0Da avere, 18-06-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Non solo è un libro, una testimonianza toccante sotto forma di grphic novel... Anche una perla, un racconto intenso, vero, incredibilmente coinvolgente. Da avere. Per leggerlo, rileggerlo, tramandarlo ai figli, prestarlo a chi vogliamo bene... Per non dimenticare il passato. Per apprezzare maggiormente il presente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il più grande libro sulla Shoah, 25-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Realizzato negli anni Ottanta dal cartoonist underground Art Spiegelman, il fumetto narra le vicende dei suoi genitori, Vladek e Anja, ebrei polacchi, durante la seconda guerra mondiale e poi ad Auschwitz.
Un racconto toccante, tra il presente a New York e il passato negli anni Trenta e Quaranta, che ha per protagonisti topi (gli ebrei) , gatti (i nazisti) e maiali (i polacchi) e che è valso al suo autore il prestigioso Premio Pulitzer.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un fumetto, 27-03-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
C'è chi dice che è un fumetto, in realtà è un piccolo grande capolavoro. Aver usato l'olocausto con la tecnica del fumetto era un rischio, ma è stata una scelta azzeccata. E' un libro che meriterebbe di essere letto nelle scuole, una storia appassionante, dolorosa, ma tremendamente vera. La lettura scorre veloce grazie alle immagini, che aiutano a rendere ancora più realistica l'esperienza condivisa. Ha vinto anche il pulitzer. Consigliatissimo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Sopravvissuto., 10-11-2011, ritenuta utile da 8 utenti su 12
di - leggi tutte le sue recensioni
Graphic novel che interpreta la tragedia dell'Olocausto raccontata dal figlio di un sopravvissuto ad Auschwitz. Dall'inasprimento delle condizioni di vita degli ebrei negli anni precedenti allo scoppio della guerra fino ad arrivare ad uno spaccato molto chiaro della vita dei deportati nei campi di concentramento. Padre e figlio che parlano che si raccontano ma hanno uno stile di vita ben diverso, il padre e' un reduce dagli orrori del nazismo e manifesta in ogni suo gesto questo suo passato angoscioso imponendolo a tutta la famiglia, ed il figlio si rende conto che le barbarie subite da questi sopravvissuti si estendono fino alla sua generazione. Gli ebrei sono disegnati come topi proprio come li rappresentava la propaganda nazista, e i nazisti come i gatti che in realta' rappresentano i predatori dei topi per anotnomasia. Un bel libro, leggero e scorrevole fatto solo di dialoghi che esprimono in modo evidente cosa rappresentava essere ebreo negli anni bui del nazisto e le sue conseguenze.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0L'olocausto graphic novel, Maus, 03-09-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
In questa toccante graphic novel Spiegelman ci narra l'olocausto attraverso il racconto del padre, un sopravvissuto, a partire dall'avvento del nazismo passando per i ghetti, le deportazioni, i campi di concentramento e infine la liberazione e il difficile ritorno alle vita.
I disegni di Spiegelman, semplici ma al tempo stesso particolareggiati e toccanti riescono a trasmettere molte emozioni.
In Maus non ci sono persone vere e proprie, ma persone col corpo umano e la testa di un animale: gli ebrei sono topi, i tedeschi gatti, mentre i polacchi sono maiali e gli americani dei cani.
Maus non è solo una lettura indispensabile per tutti coloro che amano le graphic novel ma lo è anche per tutti i lettori.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Maus.., 06-08-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Tentativo di coniugare un argomento tragico con la tecnica fumettistica, e ne nasce un autentico capolavoro, termine forse abusato nell'ambito delle recensioni letterarie, ma che in questo caso risulta più che appropriato. Maus è innanzitutto la storia di una testimonianza, quella del vecchio Vladek, ebreo di origine polacca ora residente negli Stati Uniti il quale, su richiesta del figlio Art (l'autore), narra la storia della sua vita, dal suo matrimonio con Anja nella Polonia degli anni '30, alle persecuzioni razziali, all'internamento nel capo di sterminio di Auschwitz, fino alla liberazione e alla rinascita di una nuova vita in un nuovo paese... Il tutto corredato da geniali scelte grafiche di grande impatto visivo (quali la rappresentazione dell'umanità in razze di animali antropomorfi, topi per gli ebrei, gatti per i nazisti, maiali per i polacchi) che riescono a strappare qualche tenero sorriso nonostante la tragicità dell'argomento trattato. Ma Maus va al di là di una semplice testimonianza sulla Shoah: attraverso il rapporto difficile, a tratti teso, fatto di cose taciute e poi confessate, tra Vladek e suo figlio, Spiegelmann si spinge sino ad esplorare il tema dei meccanismi di trasmissione del trauma dai sopravvissuti della Shoah ai figli, membri della cosiddetta seconda generazione. Già, perchè Vladek, prototipo tra l'altro del tipico ebreo avido, è una persona fortemente traumatizzata e distrutta da un senso di colpa sofferto le cui conseguenze cadono irremidiabilmente sulle spalle di figlio, che si sforza invano di comprendere le sue manie e le sue irrazionalità... Ne emerge un quadro dunque, che offre molteplici spunti e riflessioni dal punto di vista psicologico, oltre che storico. Mi ha emozionata tanto, Maus. Ma mi ha anche addolorata, incantata, divertita, rapita in un mondo terribile e in modo magico, senza traccia di pietismo e segni di banalità. Ricorderò per sempre le disavventure di questi topolini, costretti a indossare una maschera di gatti per fuggire a coloro che li volevano morti... Con loro ho riso, sofferto, riflettuto, lottato. Impossibile non amare questo capolavoro, un gioiello assoluto da leggere e possedere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0L'olocausto a fumetti, 19-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un'idea innovativa quella di Spiegelman che riesce a narrare tutti gli eventi dall'Olocausto coinvolgendo un pubblico di grandi e piccini. Già perché i protagonisti non sono persone ma animali, e così fra i topi che incarnano la paura e la sottomissione degli ebrei, gatti che invece rappresentano la cattiveria dei tedeschi verso questi ultimi e maiali che sono coloro che pur sapendo tutto non hanno dato una mano si svolge tutta la vicenda che porterà poi ad una commovente conclusione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Carino, 15-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Se qualcuno pensa che le graphic novels siano semplici fumetti si sbaglia di grosso. Chi l'ha detto che non si possa raccontare un romanzo attraverso le vignette? Art Spiegelman ci è proprio riuscito, narrando questa storia -sicuramente non leggerissima- in modo splendido. E tra topi, gatti, cani e maiali si rivive la tragedia dell'Olocausto...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Doloroso, 12-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Graphic novel. Si può pensare che abbiano qualcosa in meno rispetto ad un romanzo invece hanno molto di più perché insieme alle parole hanno la forza delle immagini.
L'argomento è tosto e doloroso. Si parla di deportazioni naziste, di tradimenti, di mors tua vita mea e di dolore. Ci sono topi, cani e porci ( i nazisti) che cercano la salvezza, ognuno con i propri modi, ma non tutti la ottengono.
Libro pesante e soprattutto peNsante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Topi in fuga, 25-05-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Graphic novel, o anche detto romanzo grafico, che ha sicuramente segnato un punto di svolta nel genere, arrivando a nobilitare la categoria ed a darle la giusta attenzione da parte di critica e pubblico. Una scelta coraggiosa quella di scrivere della Shoah, tanto che l'artista guadagnò persino il Pulitzer.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Maus, 28-03-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Indimenticabile, sobria, elegante, vitale: questa è un 'opera che non si scorda.
Di libri sull'olocausto ne ho letti molti, soprattutto quando ero al liceo questo tema ha attirato a lungo la mia attenzione, eppure questo libro è riuscito a spiazzarmi. Sarà l'utilizzo delle immagini, la scelta di un testo diretto e non buonista (il rapporto con il padre viene raccontato con tutte le sue conflittualità), la grande capacità comunicativa dell'autore, fatto sta che arriva dritto al cuore, affrontando temi, risvolti e riflessioni che non possono lasciare indifferenti.
Si tratta di un libro doloroso, ma sempre denso di una grande dignità, privo di autocompatimento e forse per questo ancora più efficace.
Da leggere e da far leggere, perché è sempre bene ricordare di che genere di mostruosità è capace l'essere umano...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Maus: oltre il fumetto, 21-03-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Il fumetto, in cui tra l'altro i protagonisti hanno le sembianze di animali, svilisce la storia o la esalta?
Per me la esalta... Il ricorso al disegno per raccontare l'avvento del nazismo e ciò che ne è seguito rende quest'opera, che nulla sconta alla tragicità della vicenda e al dolore dei protagonisti, fruibili anche ai ragazzi, che magari hanno meno voglia di impegnarsi nella lettura di un libro.
Non m'intendo di fumetti, ma ho trovato questo volume appassionante, i disegni efficaci, i testi semplici e appropriati (ad esempio interessante la scelta di far parlare il padre del fumettista in un italiano - ovviamente americano nell'edizione originale - con inflessioni polacche).
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su MAUS (23)