Mattatoio n. 5 o La crociata dei bambini

Mattatoio n. 5 o La crociata dei bambini

4.0

di Kurt Vonnegut


  • Prezzo: € 7.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Verso la fine della seconda guerra mondiale Vonnegut, americano di origine tedesca, accorse con tanti altri emigranti in Europa per liberarla dal flagello del nazismo. Fatto prigioniero durante la battaglia delle Ardenne, ebbe la ventura di assistere al bombardamento di Dresda dall'interno di una grotta scavata nella roccia sotto un mattatoio, adibita e deposito di carni. Da questa dura e incancellabile esperienza nacque "Mattatoio n. 5 o La crociata dei bambini", storia semiseria di Billy Pilgrim, americano medio affetto da un disturbo singolare ("ogni tanto, senza alcuna ragione apparente, si metteva a piangere") e in possesso di un segreto inconfessabile: la conoscenza della vera natura del tempo.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Kurt Vonnegut:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (3.9 di 5 su 19 recensioni)

4.0Mattatoio n5, 03-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro che mi ha sempre incuriosito, di cui non ho mai capito veramente la trama. E infatti nella realtà una trama non ce l'ha. E' la storia di Billy Pilgrim, un uomo che, senza poterlo controllare, riesce a viaggiare nel tempo.
Il lettore capisce subito, però, che tutto questo contorno è solo una finta dell'autore. Vonnegut co gira intorno ma il suo pensiero è sempre lì, a Dresda. I suoi occhi continuano sempre, in ogni momento, a contemplare la distruzione della città. Mattatoio n5 è un libro molto ricco di sognificati, mascherato da libro "psichedelico".
Lo consiglio a tutti, ma mi raccomando! Leggete con attenzione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Mattatoio n. 5, 23-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Direi che è uno dei migliori romanzi mai scritti sull'orrore della guerra. Per potersi fare un'idea, Mattatoio N. 5 va letto e accettato nel suo stile crudo e asciutto e con i suoi elementi fantascientifici un po' naf.
Tutto sembra dire "Vi sembrano così assurdi questi viaggi temporali sregolati? Perché, vi sembra invece che la guerra lo sia meno? ". La fantascienza qui è un espediente che serve ad allontanarsi dalla morte, e allo stesso tempo viene in aiuto nella descrizione orrori altrimenti troppo grandi per essere presentati.
Ci riesce perché il viaggio disordinato nel tempo e l'idea della razza umana appena adatta per essere esibita in uno zoo alieno, operano un cambio di prospettiva offrendo una visione più "d'insieme". E, guardandoli da lontano, i conflitti terrestri e la morte sembrano delle inezie di nessun valore innanzi alla grandezza dello spazio, sì, ma soprattutto del tempo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Mattatoio n. 5, 14-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Lo ritengo ocme uno dei migliori romanzi sulla guerra di sempre. A quelli che criticano il romanzo per il suo stile elementare vorrei chiedere: preferite forse i Virtuosi del Nulla tipo Baricco o Busi? Be' , teneteveli pure. Uno che ha qualcosa da raccontare come Vonnegut può anche fare a meno di fuochi d'artificio esibizionistici ed effetti speciali verbali. In realtà il romanzo ha la sua complessità, ma sta nella trama più che nella prosa. E incoraggio tutti a leggere anche Madre notte, dove compare almeno un personaggio (Campbell) che in Mattatoio 5 fa solo un cameo. In realtà quello di Vonnegut è un mondo, dacché tutti i suoi libri sono interconnessi, e forse sono tutti opera del crap artist Kilgore Trout, altro personaggio memorabile del teatro surreale Vonnegutiano. E una volta che ci entri dentro, è un mondo dal quale non si esce più: alla fine ti rendi conto che è il nostro mondo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Mattatoio n. 5, 09-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Devo dire di essere rimasto soddisfatto. Mi chiedo: perché libri come questo ci colpiscono tanto? Billy Pilgrim attraversa avanti e indietro continuamente la linea temporale, passando indifferentemente dagli anni sessanta agli anni della guerra, e da qui al periodo che precede il bombardamento di Dresda, che come Vonnegut lo vive da prigioniero dei tedeschi, all'interno di una strana prigione che è appunto un mattatoio, il n. 5. Da qui fino al giorno in cui poco dopo un incidente, viene rapito dagli alieni del pianeta Trafalmadore, che gli insegnano i segreti del tempo e lo chiudono in uno zoo in compagnia di un'altra terrestre, una famosa pornostar.

Un romanzo veramente schizofrenico e nel contempo geniale, dove tutto viene annullato, perdendo il senso delle cose attraverso quell'esperienza che poi conduce gli uomini all'accettare come normale l'assurdità e la brutalità della guerra.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Mattatoio n. 5, 04-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Romanzo dallo stile incisivo e lapidario. Un romanzo che tratta le brutture della guerra attraverso una vicenda che ne sfiora appena gli episodi salienti, e crea un mondo parallelo fatto di rimandi a momenti del passato. I salti temporali sono legati sottilmente da un filo di lucida follia, un tentativo di razionalizzare l'orrore o di allontanarne il puzzo inventando frammenti di vita per abbracciarne l'importanza. Malinconico.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Non un granché, 05-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Il viaggio privo di logica e quasi onirico di Billy Pilgrim da alcuni è osannato come capolavoro, io l'ho trovato alquanto sconclusionato e un po' confuso. Insomma, un'altra opera circondata da rumorose aspettative che puntualmente sono state deluse.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Un libro da guerra, 08-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un libro molto particolare, che lascia fuggire pochi sentimenti, costringendo il lettore a pensare, riflettere e ragionare, dalla prima all'ultima pagina.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Mattatoio n. 5, 12-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Quando penso a Mattatoio n°5, mi viene da pensare che Vonnegut si sia portato dentro queste cose per anni, cercando il modo di raccontarle, che ci abbia provato per anni, senza trovare mai le parole giuste, e senza riuscire nemmeno a portarsi dietro silenziosamente questa cosa. E che l'unico modo che abbia trovato per metabolizzare questi ricordi e raccontarli è raccontarli grotteschi nel grottesco, in mezzo ai viaggi nel tempo e agli Ufo con un occhietto nel palmo della mano.
Perché quello che raccontava era così a-umano, che a raccontarla come una storia normale avrebbe fatto perdere molta voglia di avere a che fare con gli altri esseri umani.

Io me la immagino così, la nascita di Mattatoio n°5. Ed è un libro bellissimo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0la guerra da un punto di vita diverso, 10-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
un altro modo di raccontare l'assurdità della guerra.
un punto di vista diverso a mai banale che aggiunge un tassello a quello che già sappiamo
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Mattatoio n. 5, 06-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo, attraverso uno sguardo ironico e di finta impassibilità, lascia un gusto amaro per quello che sembra il destino costante dell'umanità: la guerra.
Mai banale, a tratti struggente, talora divertente, viene mescolata fantascienza "spicciola", ironia e realtà storica per mostrare al lettore tutta l'atrocità della guerra e della natura umana, pur senza scontato moralismo o aperte denunce.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Mattatoio n. 5, 05-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Una rivisitazione in chiave fantascientifica dell'ultima fase delladella guerra in Germania, nel '45, e in particolare del bombardamento di Dresda che l'autore, prigioniero di guerra ha realmente vissuto.
Il protagonista, anche lui prigioniero americano, ha la prerogativa di compiere viaggi nel tempo in avanti e all'indietro.
Surreale e al tempo stesso feroce nel denunciare l'assurdità della guerra. Si legge d'un fiato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Mattatoio n. 5, 03-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Vonnegut dipinge un affresco contro la guerra toccando toni da commedia fantascientifica
Il libro riesce a raccontare la guerra e la tragedia di un uomo comune americano da un punto di vista originale e inusuale.
Veramente da scoprire.
"Così va la vita"
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Mattatoio n. 5 o La crociata dei bambini (19)