Mardi. E un viaggio laggiù

Mardi. E un viaggio laggiù

4.0

di Herman Melville


  • Prezzo: € 12.00
  • Nostro prezzo: € 11.28
  • Risparmi: € 0.72 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Una storia di viaggi e di avventure, un romanzo satirico, un'epopea che diventa una costruzione mitologica. Nei mari del Sud, nelle isole di Mardi, una fanciulla misteriosa, che sembra uscita dalla dimensione della favola e del sogno, viene salvata dal protagonista e con lui inizia una lunga e avventurosa peregrinazione fra le isole dell'arcipelago. La vergine Yillah accompagna Taji nelle tappe di un vagabondare in una natura paradisiaca, godendo con lui dei favori dei luoghi e delle genti, ma anche affrontando traversie, congiure e cospirazioni. Un romanzo da riscoprire nella traduzione di Emilio Tadini, artista e scrittore recentemente scomparso, traduttore per Garzanti Libri anche di opere di Stendhal e James Joyce.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Herman Melville:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Mardi, 24-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo interminabile viaggio fra le isole un po’ allegoriche, un po’ simboliche, talvolta semplicemente bizzarre, dell’arcipelago di Mardi verrebbe da liquidarlo come il retrobottega di Moby Dick (che esce nel 1851, mentre Mardi risale a due anni prima): tirate fra il biblico e il visionario, speculazioni filosofiche e teologiche, considerazioni sparse sul genere umano, la società ecc., ma senza una balena bianca che si trascini dietro eventi e persone e senza un capitano Achab attorno al quale la storia possa ruotare.
Fra personaggi che appaiono dal nulla, si eclissano per decine di capitoli o muoiono fuori scena senza un perché, restano solo gli episodi, le tappe del viaggio, le isole visitate, con abitanti e usanze folli; e la scrittura di Melville, che tenta di inghiottire il mondo intero, di compendiarne e dominarne la storia, le arti, le grandi imprese, i minimi eventi. (Preziose, quindi, le note del curatore Ruggero Bianchi.)
Insomma: uno scrignetto (più di cinquecento pagine…) colmo di pietre preziose che non sono state montate in un gioiello.
Ritieni utile questa recensione? SI NO