€ 104.50€ 110.00
    Risparmi: € 5.50 (5%)
Normalmente disponibile in 11/16 giorni lavorativi (difficile reperibilità)Metti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€Scopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Manuale dell'esecuzione forzata

Manuale dell'esecuzione forzata

di Anna Maria Soldi


Normalmente disponibile in 11/16 giorni lavorativi (difficile reperibilità)
  • Editore: CEDAM
  • Edizione: 2
  • Data di Pubblicazione: 2009
  • EAN: 9788813298692
  • ISBN: 8813298692
  • Pagine: LIV-1352
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Cedam
La seconda edizione del ""Manuale dell'esecuzione forzata"", notevolmente ampliata rispetto alla prima, nasce dall'esigenza di aggiornarne il contenuto alla luce delle modifiche apportate alla disciplina dell'esecuzione e delle opposizioni esecutive dalla legge 18 giugno 2009 n. 69. La riforma del processo civile del 2009 ha, infatti, introdotto o riscritto una serie di norme che riguardano la materia esecutiva.In primo luogo si è prevista all'articolo 540bis c.p.c. la possibilità di operare una integrazione del pignoramento ""quando le cose pignorate risultano invendute a seguito del secondo o successivo esperimento ovvero quando la somma assegnata, ai sensi degli articoli 510, 541 e 542, non è sufficiente a soddisfare le ragioni dei creditori""; in tutte le ipotesi suindicate il giudice, ad istanza di uno dei creditori, provvede a norma dell'ultimo comma dell'articolo 518 e, quando vengano pignorate nuove cose, ne dispone la vendita senza che vi sia necessità di nuova istanza. Ove, al contrario, l'estensione del pignoramento abbia avuto esito negativo, il giudice dispone procedersi alla vendita del compendio ancora invenduto ovvero, se le operazioni di liquidazione siano già completate, estingue il procedimento.Una importante novità è costituita dall'inserimento dell'articolo 614 bis c.p.c. che prevede una misura coercitiva di carattere generale per le ipotesi in cui la pronuncia giudiziale rechi la condanna ad un facere o ad un non facere infungibili.La riforma ha operato anche un revirement della questione relativa all'inappellabilità delle sentenze rese nelle opposizioni esecutive: mentre nel 2006 si era uniformato il regime di inappellabilità di tali pronunce, la legge 18 giugno 2009 n. 69, abrogando l'ultimo comma dell'articolo 616 c.p.c., ha reintrodotto un regime impugnatorio ordinario per le sentenze in materia di opposizione all'esecuzione e di opposizione di terzo all'esecuzione.Il legislatore del 2009 ha, poi, riformulato l'articolo 624 terzo comma allo scopo di superare le ambiguità provocate dalla sua precedente stesura.Degna di nota appare anche la modifica dell'articolo 630 c.p.c. operata in piena simmetria con la disciplina della estinzione del processo di cognizione.Ma oltre alle modifiche al terzo libro del codice di procedura civile, la riforma contiene una serie di interventi che riguardano il processo di cognizione e la materia della trascrizione del pignoramento e del sequestro conservativo che hanno una indiretta incidenza sulla disciplina dell'esecuzione e delle opposizioni esecutive.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Anna Maria Soldi: