Malastagione

Malastagione

4.5

di Francesco Guccini, Loriano Macchiavelli


  • Prezzo: € 18.00
Fuori catalogo - Non ordinabile

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

In sintesi

Malastagione, di Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli, è ambientato nei boschi degli Appennini, tra l'Emilia e la Toscana. Adùmas (il cui nome è dovuto al fatto che suo padre, appassionato dei tre moschettieri, decise di dargli il nome dell'autore del romanzo, A. Dumas) è un vecchio montanaro che ogni tanto decide di imbracciare la doppietta e di andare a cacciare il cinghiale per rifornire di selvaggina i ristoranti della zona. Come di consueto si avventura nel bosco di castagni che sovrasta il piccolo paesetto di Casedisopra, alla ricerca di prede. È ormai il crepuscolo e Adùmas, nella snervante attesa, decide di bere un goccio di grappa. Tutto d'un tratto dalla boscaglia spunta un animale, ma qualcosa non quadra, il cacciatore rimane pietrificato alla sua vista. Ciò che appare ai suoi occhi è un cinghiale con un piede umano tra le fauci. Lo sgomento gli rende impossibile l'azione, e l’anziano bracconiere non riesce a premere il grilletto. La bestia scappa via e svanisce istantaneamente, come è venuta. Quando Adùmas torna al paese e racconta la vicenda, nessuno vuole credergli. Tutti lo prendono in giro sostenendo che la grappa gli abbia annebbiato la vista. Solo l'ispettore della forestale Marco Gherardini, detto Poiana, gli dà credito. Il giovane ispettore infatti conosce bene i boschi della zona e sa quanti segreti possono nascondere. Gherardini inizia quindi ad indagare, per risolvere il mistero, perché al piede che aveva il cinghiale tra le fauci, deve per forza corrispondere un cadavere. In paese però nessuno sembra scomparso, tutti rispondono all’appello di Poiana. Il mistero si infittisce sempre di più e ben presto l'ispettore scopre che tra alcuni appartenenti alla piccola comunità ci sono affari loschi. Malastagione, di Guccini e Macchiavelli, è un giallo incalzante, impreziosito dalla splendida cornice dell'Appennino tosco-emiliano.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro

  • Titolo: Malastagione
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Strade blu
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2011
  • ISBN: 8804606673
  • ISBN-13: 9788804606673
  • Pagine: 305
  • Reparto: Gialli
  • Formato: brossura

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Malastagione e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.4 di 5 su 14 recensioni)

1.0Una coppia che scoppia, 09-05-2012
di L. Marchetti - leggi tutte le sue recensioni
Ho trovato la trama banale, la prosa rivedibile, la svolta gialla inconsistente e mal gestita, i personaggi minimamente delineati (anche se Poiana, alla conclusione, salva un pochino la lista di nomi che costellano il romanzo) . C'è qualche lontano rimando a Fruttero Lucentini, ma abbozzata solo in forma accennata. Per il resto, mi hanno stufato perfino i vocaboli dialettali evidenziati in corsivo. Insomma, una prova da dimenticare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Molto bello!, 20-04-2012
di S. Laveder - leggi tutte le sue recensioni
Veramente molto bello questo nuovo libro dell'accoppiata Guccini-Macchiavelli. Una storia intensa, originale, incalzante, ambientata ai giorni nostri ma allo stesso tempo sospesa nel tempo proprio perché si svolge in un antico, piccolo borgo dell'appennino emiliano (quindi un po' fuori dal mondo) .
Non per questo però tutti coloro che vi abitano sono esenti dall'avidità, dagli intrighi e le speculazioni tipiche e senza scrupoli di chi è votato al dio denaro...
Bella anche la mescolanza dei personaggi: extracomunitari, vecchi montanari, una giovane guardia forestale.........
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Accoppiata vincente, 12-11-2011
di G. Devincenti - leggi tutte le sue recensioni
Non conoscevo il Guccini scrittore, ma è stata una piacevolissima scoperta! Romanzo, oltre che ben scritto, scorrevolissimo (letto in un giorno). Spaccato di vita di paesi che van scomparendo, per lasciar posto ad assurdi agglomerati urbani, che devastano i nostri appennini! Ben delineati i personaggi, che purtroppo (e per alcuni per fortuna) spesso si ritrovano anche nella realtà e non solo nei romanzi!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Giallo MADE IN ITALY, 21-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di M. Beccatelli - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro giallo di Guccini-Macchiavelli è uno dei testi che più mi hanno impressionato e sorpreso negli ultimi anni. Infatti si unisce ad una molto bella ed articolata, dei personaggi molto dinamici e in cui spesso ci si identifica. L'unica pecca che mi è sembrato di scorgere in questo giallo è il fatto che il linguaggio mi sembra un pò troppo semplice e poco fornito di termini, per questo motivo si sente troppe volte ripetere le stesse parole. In complesso un buon romanzo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0GIALLO ITALIANO, 12-07-2011
di G. Bartucci - leggi tutte le sue recensioni
Molto bello! Ho apprezzato molto questo giallo italiano. I personaggi sono dei nostri tempi e dei nostri luoghi, molto reali anche se allo stesso tempo originali. Sono reali purtroppo anche i problemi legati alla speculazione edilizia e alla mancanza di sensibilità verso il patrimonio culturale e naturale dei nostri ambienti migliori, tra i quali appunto la montagna. Molto affascinante il personaggio di Poiana, uomo dei boschi, sensibile e intelligente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un bel giallo, 09-07-2011
di M. Cerulli - leggi tutte le sue recensioni
Un nuovo giallo in stile retrò raccontato dalla coppia Francesco Guccini e Loriano Machiavelli. Tanti i personaggi che si incrociano nel paesino di Casedisopra nei boschi dell'appennino tosco emiliano e tante le cose e i delitti che succedono nel giro di pochi giorni. Sarà il bizzarro Poiana, guardia forestale del paese, a trovare le risposte giuste. Veramente una storia gradevolissima!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0NUOVO PROTAGONISTA, 07-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di L. RECCAGNI - leggi tutte le sue recensioni
E' ARRIVATO UN NUOVO PERSONAGGIO CREATO DALLA FANTASIA DELLA COLLAUDATA COPPIA MACCHIAVELLI-GUCCINI. UN BUON ROMANZO, CON UNA TRAMA AVVINCENTE. E' SEMPRE PRESENTE UN FILO DI NOSTALGIA PER IL PASSATO IN CUI SONO RADICATI I MOTIVI, LE CAUSE CHE DANNO ORIGINE A TUTTA LA VICENDA NARRATA. E DA NON DIMENTICARE LO SGUARDO AMOREVOLE VERSO LA NATURA ASPRA CHE CARATTERIZZA I ROMANZI DEI DUE SCRITTORI.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Benvenuto Poiana!, 06-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di A. Carbonari - leggi tutte le sue recensioni
Le storie che sanno raccontare insieme Guccini e Macchiavelli, mi mettono sempre in un piacevole stato d'animo. Anche se raccontano delitti e inganni. Storie dal sapore antico, che odorano di buono, come la crosta del pane appena sfornato. Dopo il mitico maresciallo Santovito e il leggendario brigante Spirito, diamo il benvenuto, con piacere e partecipazione, al nuovo personaggio dell'appenninico duo: Poiana
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un giallo ecologico, 12-05-2011
di P. Serraglini - leggi tutte le sue recensioni
Simbiosi perfetta tra la trama gialla di Machiavelli e l'ambientalismo montanaro di Guccini: ne viene fuori una storia piacevolissima dove, accanto ai personaggi elencati all'inizio del romanzo, si erge l'altra protagonista della storia, che è la natura. Natura che è nelle mani degli uomini che spesso la offendono e che le fanno trascorrere "malestagioni". La sua difesa la trova nell'alleanza tra alcuni anziani come Adùmas, che pur essendo un bracconiere, la natura la rispetta semplicemente perché sà che Lei gli darà quello che lui non le toglierà, e giovani come il forestale Marco e la cittadina Francesca, che hanno preso coscienza che la salvezza del mondo passa dal mantenimento del bosco di Casedisopra. In mezzo la generazione sbagliata, degli arrivisti e speculatori che mirano all'incremento del patrimonio personale, senza rendersi conto delle conseguenze dei loro atti, e senza esitare a calpestare, insieme alla natura, anche i propri simili.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Buon libro, 01-04-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di S. Capurso - leggi tutte le sue recensioni
Torna la coppia Guccini - Macchiavelli con un romanzo veramente ben scritto. Bella ambientazione, trama forse un po' troppo contorta, ha come difetto principale la poca "profondità" dei personaggi: una caratterizzazione maggiore avrebbe migliorato l'opera. Si legge in maniera molto scorrevole.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Stupendo, 22-02-2011, ritenuta utile da 4 utenti su 4
di P. Taiti - leggi tutte le sue recensioni
E' un libro bellissimo, ti immerge nella terra tosco-emiliana in maniere vera, bellissima la trama, avvincente, storia, dalla prima pagina la storia ti coinvolgee non si vede l'ora di sapere come va a finire, bravissimi i due autori, da leggere obbligatoriamente!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Consigliatissimo, 16-02-2011, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di L. Camuti - leggi tutte le sue recensioni
Un gradevolissimo giallo scritto a quattro mani da due artisti ormai ben collaudati. La storia e bellissima e intrigante ma a farla da padrone in questo caso è l'inappuntabile precisione nella desrizione delle tradizioni e dei luoghi in cui il romanzo è ambientato: sembra quasi di essere presenti in prima persona. Bravissimi. Messaggio a Francesco Guccini: ricordati che sei un grande cantautore, assente dalle scene da tanto, troppo tempo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Malastagione (14)

product