€ 15.04€ 16.00
    Risparmi: € 0.96 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Malalingua. L'italiano scorretto da Dante a oggi

Malalingua. L'italiano scorretto da Dante a oggi

di Pietro Trifone

4.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Il Mulino
  • Collana: Saggi
  • Data di Pubblicazione: novembre 2007
  • EAN: 9788815120991
  • ISBN: 8815120998
  • Pagine: 211
  • Formato: brossura
Questo libro rovista nella "pattumiera" della lingua italiana: dal Dante più scorretto al Verga più anomalo; dalle storpiature dei comici come Totò agli strafalcioni degli studenti, ma anche di uno scrittore come, Svevo; dalle bizzarrie del linguaggio giovanile agli anglicismi e alle frasi fatte dei gerghi aziendali e mediatici. Come accade per tutte le cose, anche gli errori linguistici non sono più quelli di una volta. In passato i problemi nascevano dalla distanza tra la lingua parlata (il dialetto) e la lingua scritta (l'italiano), ma per chi è nato dopo gli anni Sessanta il rischio è quello opposto, di appiattire troppo lo scritto sul parlato. Sono cambiate le condizioni, eppure ieri come oggi, chi più chi meno, siamo tutti esposti al rischio della figuraccia, abbiamo tutti qualcosa da farci perdonare, una virgola, un accento, un suono, una desinenza, una parola, un costrutto. Tuttavia questo non è il solito libro contro la bistrattata "malalingua": tende semmai a riabilitarne alcuni aspetti, non certo le espressioni omologate, e tanto meno l'"inglesorum", ma i sani condimenti popolari e regionali che insaporiscono il nostro idioma mediterraneo.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Malalingua. , 16-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Storia degli errori linguistici dai capostipiti della lingua italiani come Petrarca e Dante e si prosegue con esempi nel corso dei secoli fino ad oggi, tra scrittori noti e persone sconosciute. La prosa è sempre frizzante e scorrevole, e chi ama la lingua italiana, lungi dal mettersi a sghignazzare per gli svarioni anche dei grandi, potrà avere una visione più ampia e completa delle forze che l'hanno plasmata e continuano a farlo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO