€ 9.30
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Le macchine del tempo. L'orologio e la società (1300-1700)

Le macchine del tempo. L'orologio e la società (1300-1700)

di Carlo M. Cipolla


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Il Mulino
  • Collana: Intersezioni
  • Data di Pubblicazione: novembre 2000
  • EAN: 9788815078520
  • ISBN: 8815078525
  • Pagine: 120
Queste pagine ripercorrono la storia dell'invenzione e della diffusione delle macchine del tempo, vale a dire gli orologi, i primi apparecchi di precisione che scandiscono e regolano i tempi della vita sociale. Richiamandosi al tema dei rapporti tra progresso tecnologico, cultura e strutture della società, l'autore spazia dalle fucine medioevali, dove i fabbri costruivano insieme orologi e bombarde, al laboratorio di orologi creato alla fine del Seicento nel palazzo imperiale di Pechino. Uno scenario cronologicamente e geograficamente vasto, nel quale vengono studiati in concreto i problemi come l'importanza della migrazione fra tecnica e scienza nel corso della Rivoluzione Scientifica.

Note su Carlo Cipolla

Carlo Cipolla nacque a Pavia il 15 agosto del 1922. Fin da piccolo nutrì una fortissima passione per la storia e per la filosofia. Da bambino il suo sogno era di insegnare tali materie in un liceo. Dopo aver conseguito il diploma di maturità, Carlo Cipolla si iscrisse alla facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Pavia. Sotto la guida del professore Franco Borlandi, approfondì lo studio nell’ambito della storia dell’economia. Dopo aver conseguito la laurea a Pavia, proseguì gli studi alla Sorbonne di Parigi e alla London School of Economics. Studioso di talento, Cipolla ottenne la sua prima cattedra a soli 27 anni. Iniziò ad insegnare a Catania e da lì si spostò in numerose città. Insegnò a Venezia, a Torino, a Pavia, alla Scuola Normale Superiore di Pisa e a Fiesole. Nel 1953 si recò negli Stati Uniti, dove continuò la sua attività di docente. Nel 1957 fu nominato visiting professor presso la University of California Berkeley. Due anni dopo venne nominato, sempre presso la medesima università, full professor. Autore di numerosi volumi, Carlo Cipolla morì a Pavia il 5 settembre del 2000.

Altri utenti hanno acquistato anche: