€ 9.35€ 11.00
    Risparmi: € 1.65 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Macbeth

Macbeth

di William Shakespeare

5.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Collezione di teatro
  • Traduttore: Vico Lodovici C.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 1997
  • EAN: 9788806073510
  • ISBN: 8806073516
  • Pagine: 96

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi
Macbeth e Banquo, generali di Duncan, re di Scozia, incontrano tre streghe che salutano Macbeth come futuro signore di Cawdor e poi re, Banquo come progenitore di re. Lady Macbeth spinge il marito ad uccidere Duncan giunto nel loro castello, mentre i figli del re riescono a fuggire. Nominato re, Macbeth elimina Banquo, dalla cui ombra sarà però perseguitato. Interroga poi le streghe che gli profetizzano che non sarà mai vinto da "nato da donna" e che regnerà finché la foresta di Birnam non si muoverà. Malcolm e Macduff muovono contro Macbeth che fa ucccidere la moglie e i figli di Macduff. Lady Macbeth impazzisce e si uccide, il marito è ucciso da Macduff (tolto anzitempo dal ventre materno), mentre l'esercito avanza, coperto da rami e fronde.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Macbeth e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.8 di 5 su 4 recensioni)

5.0Macbeth, 19-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Di sicuro William Shakespeare, quando ha messo penna e cervello al servizio di Macbeth, si è reso conto di star dando vita ad un capolavoro della letteratura drammatica. E' la tragedia di come l'ambizione e il potere possano trasformare l'uomo fino a portarlo alla vera e propria pazzia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Sangue sulle mani., 18-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Macbeth è una meravigliosa tragedia che colpisce al cuore. Un'opera tragica fantastica dove magia e terrore d'altri tempi si fondono per dare un senso alle paure ed alle colpe dell'anima che l'uomo e la donna portano con se come recessi delle proprie colpe e dei primi malsani desideri.
I due protagonisti, grandi nell'infamia, ma non monolitici nella loro crudeltà, sono attraversati da profonde contraddizioni e incertezze, che danno loro quella grandezza tragica in cui si evidenzia la sublime capacità shakespeariana di indagare nell'animo umano.
Stupendamente inquietante!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0''Chi è quell'uomo insanguitato?'', 12-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo si chiede lo sfortunato re Duncan, e queste parole continuano a porci assiduamente un problema di identità: Chi è mai quell’uomo insanguinato?.
Shakespeare è grande come sempre nel metterci davanti le nostre paure, ambizioni e ambivalenze.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il bello è brutto ..., 28-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
...e il brutto è bello. Macbeth, l'eroe epico e barbaro che sfida il tempo violando l'ordine delle cose, è il protagonista di una delle più belle tragedie di sempre. Un disegno sovrannaturale presiede al dipanarsi delle vicende, dove i fantasmi dell'immaginario si fondono e si confondono con le più concrete e nude istanze della ragione umana.
Il risultato è la totale confusione dei valori.
Ritieni utile questa recensione? SI NO