€ 13.89
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Lire 26.900

Lire 26.900

di Frédéric Beigbeder

2.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: I canguri
  • Edizione: 5
  • Traduttore: Ferrero A.
  • Data di Pubblicazione: marzo 2002
  • EAN: 9788807701405
  • ISBN: 8807701405
  • Pagine: 237
Octave è un pubblicitario e conduce una vita sinistra. E' uno di quei morti viventi il cui unico sprazzo di luce deriva dal riflesso della propria carta di credito. E' uno di coloro che decide oggi cosa desidereremo domani, che inquina il mondo con spot e bugie, che inventa bisogni inutili. Un giorno viene coinvolto in una campagna più stupida delle altre per lo yogurt di una multinazionale e va in pezzi. In un crescendo di esaltazione, tra alcol e stupefacenti, diventa sempre più violento, fino all'esplosione finale.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Lire 26.900 e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  2.5 (2.5 di 5 su 2 recensioni)

2.0Inquietante ritratto del pubblicitario, 14-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Non posso che essere d'accordo con la recensione di G. Salce, l'autore alterna brillanti trovate (troppo poche) a lunghe e noiose sciocchezze. Il protagonista Octave (un alter ego dell'autore) è un pubblicitario cocainomane e amante del lusso che svela al lettore le finzioni del mondo platinato della pubblicità che inventa bisogni che non esistono, che ci vuole depressi perché chi è appagato consuma meno. Concetti spesso risaputi o anche solo sospettati che qui vengono espressi con un tono apocalittico quantomeno irrituale. Il pubblicitario ormai in crisi professional-personale viene ingaggiato per una campagna più stupida delle altre per lo yogurt di una multinazionale e perde definitivamente la testa. In un crescendo di esaltazione, schiavo di alcol e coca, diventa sempre più violento, fino all'esplosione finale. Nonostante evochi qualche risata durante la lettura, è costante la sensazione che il contenitore sia quasi vuoto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0I pubblicitari erano di moda tanti anni fa , 17-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Così fico da essere pubblicato a torso nudo sulle pagine patinate de "L'Homme". Uno Sgarbi in salsa Mornay, meno imbefanito ma altrettanto cattivone. Beigbeder è amico di Michel Houellebecq e come lui è stato inquadrato nell'Extrême contemporain, una linea di pensiero ad alto tasso alcolico. Cocainomani, maniaci sessuali, puttanieri non pentiti. Vorrebbero essere considerati cinici eppur geniali. Non molto di nuovo se vogliamo, ma scritto veramente male. Condensando luoghi comuni, linguaggi di settore (in questo,libro si trova un piccolo manuale di pubblicitese, noioso come quello dei pubblicitari veri), format televisivi, videoclip e altro. Un fondo di verità amarissima li sorregge, altrimenti sarebbe pura spazzatura. Sono i cattivi disperati dell'esercito di Latouche che, essendo buono, predica le stesse cose dal punto di vista della speranza. Non avendo la serenità per decrescere, si ingozzano compulsivamente fino a scoppiare. Per dimostrarci che sono consapevoli di partecipare, con stile inimitabile, all'Inevitabile Decadenza dell'Occidente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO