€ 18.52€ 19.50
    Risparmi: € 0.98 (5%)
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
I limiti dell'innocenza. Il peccato involontario nel pensiero cattolico e nella tradizione orientale

I limiti dell'innocenza. Il peccato involontario nel pensiero cattolico e nella tradizione orientale

di Basilio Petrà


Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
  • Editore: EDB
  • Collana: Etica teologica oggi
  • Data di Pubblicazione: marzo 2011
  • EAN: 9788810406113
  • ISBN: 8810406117
  • Pagine: 200
  • Formato: brossura
Nel pensiero morale cattolico il soggetto risponde dei suoi atti in quanto sono volontari. Il peccato involontario, pertanto, non è imputabile moralmente al soggetto, non può essere oggetto di penitenza e non necessita di perdono. Involontario è anche il male causato da coscienza invincibilmente erronea, che pure è norma di condotta. Tale dottrina, che ancora domina il pensiero teologico-morale cattolico, ha suscitato negli ultimi anni molto disagio e difficoltà varie. Non casualmente l'allora card. Ratzinger e papa Giovanni Paolo II hanno espresso dubbi su di essa, giacché sembra togliere consistenza e tragicità al male provocato dall'uomo. Una rilettura integrale della questione è resa possibile dalla tradizione teologica delle Chiese ortodosse, che hanno conservato la nozione di peccato involontario, un peccato del quale costantemente si chiede penitenzialmente perdono a Dio nelle celebrazioni liturgiche e sacramentali. Segno della debolezza originaria dei figli di Adamo, il peccato involontario costituisce pur sempre un male addossabile all'uomo e al suo agire. L'autore analizza le fonti e i concetti che sostengono la posizione della tradizione ortodossa, così come appaiono nella liturgia, nella letteratura patristica e nella teologia ortodossa contemporanea.

Altri utenti hanno acquistato anche: