€ 15.04€ 16.00
    Risparmi: € 0.96 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La lezione dei maestri. Charles Eliot Norton Lectures 2001-2002

La lezione dei maestri. Charles Eliot Norton Lectures 2001-2002

di George Steiner

4.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: Saggi
  • Traduttori: Santovetti F., Velotti S.
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2004
  • EAN: 9788811600237
  • ISBN: 8811600235
  • Pagine: 181
  • Formato: brossura
Oggi parliamo fin troppo di insegnamento, educazione e formazione, ma molto poco di "maestri". Certo, la figura del maestro è avvolta da un'aura retorica che può intimidire, e porta con sé l'asimmetria del rapporto con il discepolo e quella tensione erotica che li lega. Attraverso una serie di figure esemplari George Steiner individua tre modalità fondamentali di questa relazione e risale fino ai due maestri che, pur non avendo lasciato una sola riga scritta, hanno fondato la tradizione occidentale: Socrate e Gesù.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0La lezione dei maestri, 27-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Saggio straordinario derivato da una serie di lezioni tenute da Steiner all'università di Harvard, il tema è la relazione tra il maestro e l'allievo. Nel senso alto del termine. Una storia di esempi, di testimonianza, di amore. Steiner la scandaglia in profondità, ragionando sull'ambiguità che la caratterizza, sulla responsabilità che la rende meravigliosa e terribile a un tempo: "Insegnare seriamente è toccare ciò che vi è di più vitale in un essere umano. E' cercare un accesso all'integrità più viva e intima di un bambino o di un adulto. Un maestro invade, dischiude, può anche distruggere per purificare e ricostruire. Un insegnamento scadente, una pedagogia di routine, uno stile di istruzione che è, consapevolmente o meno, cinico nei suoi obiettivi meramente utilitari, sono rovinosi. Distruggono la speranza alle radici. Un insegnamento di cattiva qualità è, quasi letteralmente, un assassinio e, metaforicamente, un peccato" (p. 24) . Si tratta di riflessioni serrate, che nascono nella zona di confine tra pedagogia e psicanalisi, tra storia della cultura e letteratura e che individuano una zona critica che è quella in cui la lezione del maestro si erge, in equilibrio tra narcisismo da soddisfare e libertà da garantire al discepolo. Una lettura meravigliosa, soprattutto in un tempo in cui parlare di scuola pare ridursi tristemente ad altro...
Ritieni utile questa recensione? SI NO