€ 17.48€ 18.60
    Risparmi: € 1.12 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La leggenda del morto contento

La leggenda del morto contento

di Andrea Vitali

3.5

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
È il 25 luglio 1843, una mattina d'estate senza una nube e con una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d'avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano, li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: non è giornata, sta per alzarsi il vento. L'imbarcazione è presto al largo, in un attimo lo scafo si rovescia. Un'imprudenza. Una disgrazia. Ma la tragedia crea un problema. A riva viene riportato il corpo dell'irrequieto Francesco, figlio di Giangenesio Gorgia, ricco e potente mercante del paese. Il disperso è Emilio Spanzen, figlio di un ingegnere che sta progettando la ferrovia che congiungerà Milano alla Valtellina. Due famiglie importanti. Bisogna a tutti i costi trovare un colpevole. Per la prima volta, Andrea Vitali risale il corso del tempo verso l'Ottocento, per raccontare un altro squarcio della sua Bellano. Ritroviamo così l'eco della dominazione austriaca, con i notabili e i poveracci, gli scapestrati e le bisbetiche, le autorità e gli ubriaconi... Tra lacrime e sorrisi, "La leggenda del morto contento" racconta una storia di padri e di figli, di colpevoli e di innocenti, di giustizia e di malagiustizia: ottocentesca, ma solo in apparenza.
Nel luglio del 1843 sul Lago di Como le giornate sono splendide. Il cielo è azzurro come solo le volte di Giotto nella cappella degli Scrovegni a Padova, ma senza le stelle. E chiunque direbbe che un sole così enorme e magnifico, unico sovrano dell’aria pulita che sa di acqua, non basta. Proprio che un sole così bello, da solo non può bastare. Per assecondare questi pensieri universali il riflesso sul lago immobile moltiplica l’abbaglio che chiunque osi tenere gli occhi completamente aperti riceve in dono. Non si vede più niente. Solo chi ha più esperienza, ha già visto, più volte. E sa quando è il caso, e quando no.
Se hai una certa età, non serve essere un marinaio per capirlo. Puoi pure fare il sarto, tipo. E ti puoi pure chiamare Lepido. Lui, lo sa cos’è un abbaglio. Lo sa quando non è una giornata adatta per uscire in barca. Perché se si alza il vento cambia tutto. In un attimo. Veramente troppo poco per poter fronteggiare in tempo le intemperie nate da dove poco prima stava la quiete. In questi casi, di solito conviene non uscire. Ma una cosa così non è che tutti la sanno. Magari se è un ragazzo, lo deve imparare ancora. Ché se qualcuno gliela insegnava era meglio per tutti e anche per lui.
Succede che questo lui è un figlio bene, il figlio di un molto ricco e potente mercante di Bellano, sul Lago di Como. Questo ragazzo, di nome Francesco, ha un padre con un nome pomposo come Giangenesio Gorgia. Sono una famiglia importante, loro. Si sappia in giro.
Francesco, il 23 luglio 1843, con un sole così, decide di prendere una barchetta di 3 vele latine, come quelle triangolari che disegnano i bambini, e prendere il largo, al Lago di Como, partendo proprio dal molo del paese... Non da solo però, sarebbe imprudente. Un figlio importante almeno questo lo sa. Ci va assieme con l’amico Emilio che di cognome fa Spanzen. Un cognome che non promette bene in quanto a conoscenze nautiche… E infatti, Emilio è un milanese in vacanza sulle rive del lago, figlio dell’ingegnere che sta progettando la ferrovia per collegare Milano alla Valtellina. Una grande opera, di terra.
Al largo in barca, Emilio e Francesco incontrano il vento, che non riconoscendo il loro elevato ceto sociale, rovescia lo scafo, e porta a riva il cadavere del figlio di Giangenesio. Una disgrazia in cui sono implicate famiglie molto e troppo importanti.
Bisognerà trovare un colpevole.

Note su Andrea Vitali

Andrea Vitali nasce il 5 febbraio 1956 a Bellano, un piccolo paese in provincia di Lecco. Figlio di Edvige e di Antonio, entrambi impiegati comunali, cresce assieme ai suoi cinque fratelli nel piccolo paese situato sulla sponda orientale del lago di Como. Fin da giovane coltiva la passione per la scrittura, vorrebbe fare il giornalista, ma dopo il Liceo, per soddisfare le aspirazioni dei genitori, si iscrive alla facoltà di Medicina, laureandosi nel 1982 presso l'Università Statale di Milano. La sua naturale inclinazione per la scrittura riesce comunque a trovare espressione nel 1990, quando esordisce in campo letterario con la pubblicazione de "Il procuratore", un romanzo breve che sancisce la sua nascita come scrittore. Ha attualmente all'attivo la pubblicazione di oltre trenta romanzi. Le sue opere sono spesso ambientate sulle rive del lago di Como e raccontano la provincia e le persone che vi abitano. Ha vinto numerosi premi letterari, tra cui il Premio letterario Piero Chiara (1996) e il Premio Grinzane Cavour (2004). E' sposato con Manuela e tuttora svolge la professione di medico di base nel suo paese natale.
 

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano La leggenda del morto contento acquistano anche Avversario segreto di Agatha Christie € 8.55
La leggenda del morto contento
aggiungi
Avversario segreto
aggiungi
€ 26.03

Prodotti correlati:

I libri più venduti di Andrea Vitali:


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.4 di 5 su 16 recensioni)

5.0è il migliore di Vitali, 09-05-2012, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
A me Vitali non mi ha mai deluso. Anche in questo romanzo caratteristico più di altri per una scrittura complessa e per l'uso di termini assolutamente adatti con la collocazione temporale del romanzo (siamo a metà settecento) , riesce a divertire, emozionare, accompagnare il lettore a visitare quei luoghi quasi visivamente. Simpatizziamo con i personaggi e le loro bruttezze, perfino gli odori si respirano scorrendo le pagine.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Un po' insipido, 04-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Di solito amo molto i libri di Andrea Vitali, soprattutto per il suo stile di scrittura e il suo modo scorrevole di costruire i dialoghi tra i personaggi. Questo libro, però, non mi ha entusiasmato molto. Lo stile è sempre piacevole, i personaggi sono ben tratteggiati, ma la storia stavolta è un po' insipida.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Vitali non delude, 11-11-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo di vitali non delude mai (almeno finora) ,sempre ben scritto e scorrevole, con personaggi ben delineati che sembra di poter vedere ed ascoltare! Riesce ad essere comunque ironico e divertente, nonostante la drammaticità dei fatti narrati!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Si fa leggere, 28-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro per chi ama le storie all'italiana vecchio stile, la loro genuina parodia e la comicità casareccia. Una lettura tranquilla e senza troppi fronzoli, semplice e dalle piccole chicche. Belli i dialoghi. Un libro non impegnativo che si fa leggere con leggerezza semplicità, davvero molto carino. Consigliato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Molto carino, 20-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un nuovo modo di vedere la classica commedia all'italiana. Andrea Vitali ci mostra un'Italia genuina vista attraverso un pizzico di ironia. Pettegolezzi, furbizie e ci sono pure pantaloni smarriti che ci terranno allegramente compagnia fino all'ultima pagina. Molto carino, da leggere per chi ama le commedie all'italiana.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Non il mio genere...., 19-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Il punto forte di questo libro sono senz'altro i dialoghi, scoppiettanti e assolutamente azzeccati. Per il resto è un lettura che indubbiamente si fa leggere, ma non lascia molto di se al lettore. Manca di azione e a volte è pure fin troppo statica, appesantendo la trama con scene inutili. Non mi è piaciuto... Ma forse sono io a non apprezzare molto il genere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Da leggere, 14-09-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Stupendo questo libro che ci porta indietro nel tempo alla scoperta della famiglia ottocentesca, delle relazioni tra padri e figli, della malagiustizia. Francesco Gorgia e Emilio Spanzen sono due giovani ragazzi in cerca di avventure. Durante una bella giornata decidono di salire su una barchetta e andare al largo. Tutto pare essere perfetto, finchè la barca dei giovani si ribalta. Il corpo di Emilio Spanzen è ancora disperso. Il corpo di Francesco Gorgia invece viene riportato a riva.
Un romanzo coinvolgente ed appassionante che consiglio di leggere a tutti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Come un dipinto, 22-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Metà 1800, un paesino sulle rive del lago di Como; Vitali ci dà un quadro della vita dell'epoca in un piccolo paese, ci descrive le persone e i luoghi con un linguaggio particolare tale da sembrare un racconto originale scritto proprio nel diciannovesimo secolo. I personaggi però non hanno nessuna individualità, sembra una comunità di donne pettegole e manipolatrici e uomini che evitano di prendere qualisiasi decisione pur di non avere complicazioni, ai danni dei più miti che scoprono che il loro posto non è in questo mondo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Piacevole, 13-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Come al solito colpisce nella scrittura di Andrea Vitalia la scorrevolezza. Tutti i suoi libri sono ambientati negli anni 30 in provincia di Como. Anche in questa storia colpiscono i personaggi ben introdotti e descritti dallo scrittore che con bervi capitoli riesce a coinvolgere al meglio il lettore
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La leggenda del morto contento , 08-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Pur non dilungandosi troppo sul periodo del fascismo, l'autore sta tornando indietro di un secolo (chissà se la data del 25 luglio 1843 ha qualche significato, visto che è esattamente 100 anni prima di quella storica) , Vitali non finisce di piacere. E poi varrebbe la pena leggerlo solo per tutti i nomi dei protagonisti: in questo caso le comari della corte, in particolare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Che noia!, 08-06-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Tra i libri di Vitali, senza dubbio quello più noioso, ben lontano dal bellissimo olive comprese.
Una storia che non cattura la voglia di continuare a leggerlo e in effetti una volta arrivati alla fine, viene da chiedersi perchè non mi sono fermata prima!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Perché contento?, 23-04-2011, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Trama avvincente, che prende il lettore coinvolgendolo nella lettura e facendogli dire: "ma perchè contento?". Si sa, la morte non guarda in faccia a nessuno e quindi perchè dovrebbe importare se il ceto è elevato? Continuo a leggere "ma perchè contento?" ...Leggilo e lo saprai.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su La leggenda del morto contento (16)