King Lear-Re Lear

King Lear-Re Lear

4.0

di William Shakespeare


  • Prezzo: € 14.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Uno dei capolavori assoluti di Shakespeare, una tragedia che mette in gioco affetti semplici e profondi: Lear, prima che sovrano destituito, è un padre tradito da due delle sue figlie. Appartiene alla maturità del poeta, essendo stato probabilmente composto tra il 1605 e il 1609, fra "Othello" e "Macbeth" dunque. La tragedia rielabora un antico motivo del folklore britannico, quello del vecchio re cacciato dalle due ingrate e cupide figlie e invano soccorso dalla terza, la dolce e sventurata Cordelia. Opera sublime e terribile per eccellenza ha suscitato in alcuni critici una sorta di timore reverenziale, tanto che Henry James riteneva che non fosse "un dramma da recitare, ma un grande e terribile poema, il più sublime, forse, ma non un dramma".

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 2 recensioni)

4.0Re Lear, 19-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
In ogni sua opera, e in Re Lear decisamente, William Shakespeare sa prendere le fragilità dell'animo umano, la cattiveria insita nell'uomo, l'inclinazione all'errore e li mette in scena in maniera sapiente che quasi fa venir voglia al lettore di stare dalla parte del cattivo, per la maniera egregia in cui viene rappresentato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Rideremo delle farfalle dorate, 28-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Troviamo il vecchio re Lear, le figlie di Lear, Cordelia la genuina, che non sa lodare per ottenere, spicca su tutte (Croce dice che la bontà qui si personifica, assume un nome, quello di Cordelia), i duchi di Albany e Cornovaglia, il devotissimo Kent, il matto di corte, in questa tragedia amara e a tratti buffa, spumeggiante, com'è proprio della pazzia. Vi è il dramma eterno dell'irriconoscenza verso i vecchi, della sete di potere, di possedere, abilmente camuffata da buonsenso.
Non all'altezza di Macbeth e Amleto, ma comunque una bellissima tragedia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO