Jubiabá

Jubiabá

3.0

di Jorge Amado


  • Prezzo: € 12.50
  • Nostro prezzo: € 10.62
  • Risparmi: € 1.88 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi


Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Protagonista dell'epica tropicale di Amado è un giovane nero di Bahia, Antonio Balduino, detto Baldo. Morta la zia con cui viveva, Baldo riceve in regalo un amuleto portafortuna dallo stregone Jubiabà, che conosce le antiche storie della schiavitù, guarisce i malati con gli esorcismi e sembra essere eterno. Di fortuna Baldo ne ha bisogno: fugge dalla casa di ricchi signori in cui faceva il ragazzo di fatica e si avventura in città, campando di espedienti. Pugile, gran seduttore, testa calda, Baldo va a lavorare nelle piantagioni di tabacco, uccide, fugge, e alla fine ritrova Jubiabà scoprendo le ragioni della solidarietà umana.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Jorge Amado:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Jubiabá e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 2 recensioni)

2.0Epopea dai toni picareschi, 02-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
All'inizio molto interessante. Poi un po' ripetitivo e frammentario. Fra l'altro non si capisce bene il rapporto fra il titolo e la trama, visto che Jubiabà è un personaggio necessario, ma certo non il principale. E non ho ben compreso quale sia il ruolo del candomblé e della macumba, a parte il dare un po' di "folklore locale" all'insieme. Imsomma, niente a che vedere con libri molto più belli come "Tocaia grande" ad esempio
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un folletto, 09-01-2012, ritenuta utile da 48 utenti su 51
di - leggi tutte le sue recensioni
Bellissimo libro, è sostanzialmente un romanzo di formazione. La storia di Antonio Balduino detto Baldo, ragazzino di colore, piccolo orfano tollerato a malapena, ben presto allontanato dal mondo dei bianchi e costretto ai lavori più duri, è costantemente all'insegna della gioia di vivere. E il ragazzo diventa uomo ingoiando l'una dopo l'altra le sue disgrazie, fino a raggiungere una posizione di guida tra i diseredati e di padre adottivo per un bimbo bianco, a sua volta privo di qualsiasi appoggio.
Forse un libro troppo ottimistico, ma contagioso nella sua vitalità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO