€ 5.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Jessi e una bambina coraggiosa

Jessi e una bambina coraggiosa

di Ann M. Martin


Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Baby sitter club
  • Traduttore: Impallomeni M.
  • Data di Pubblicazione: 2003
  • EAN: 9788804515074
  • ISBN: 8804515074
  • Pagine: 156
Il club delle baby-sitter è stato fondato da quattro ragazzine vivaci e molto diverse tra loro ma anche molto amiche. Kristy Thomas è la fondatrice e la presidentessa; Claudia Kishi è la vicepresidentessa; Mary Anne Spier è la segretaria; Stacy McGill è la tesoriera. Tutte e quattro offrono il loro aiuto a genitori e bambini in difficoltà. Età di lettura: da 8 anni.

Note su Ann M. Martin

Ann Matthews Martin è nata a Princeton, nel New Jersey, il 12 agosto del 1955. E’ cresciuta a Princeton assieme ai genitori e alla sorella Jane. Dopo gli studi in psicologia e istruzione alimentare compiuti presso lo Smith College, dove ha conseguito la laurea nel 1978, ha iniziato a lavorare come insegnante. In seguito ha cominciato a dedicarsi alla scrittura di libri per bambini. Il suo primo libro, intitoato “Bummer Summer”, venne pubblicato nel 1983. Per la stesura delle sue opere Ann M. Martin trae ispirazione dalla sua esperienza personale come insegnante e baby sitter, ma anche dai ricordi della sua infanzia. Ann Martin è nota soprattutto per la serie di romanzi intitolata “il club delle baby sitter”. Dalla fortunata serie è anche stato tratto un film. Nel 1990 la scrittrice ha creato la Ann Martin Foundation con l’obiettivo di agevolare e fornire sovvenzioni ad attività a beneficio dei bambini, quali istruzione, programmi di alfabetizzazione e programmi di ospitalità per le persone e per gli animali senza dimora. Attualmente Ann Mattehws Martin si dedica a tempo pieno alla scrittura e vive a Hudson Valley, New York, assieme al suo cane, Sadie, e a numerosi gatti.
 

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Ann M. Martin: