€ 10.33
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Italiani strana gente

Italiani strana gente

di Giorgio Bocca


Fuori catalogo - Non ordinabile
Ma che razza di paese è questa Italia di fine millennio in cui viviamo? Un paese "assetato di giustizia" che si mette a perseguitare il suo eroe Antonio Di Pietro, si commuove per le sorti di Priebke e manda in galera tra cori di protesta Adriano Sofri, smania di entrare tra i primi in Europa e poi si rifiuta di pagare le multe sulle quote-latte, un paese dove i vetero-comunisti stravedono per Castro e Marcos e difendono l'assistenzialismo e i capitalisti vogliono il mercato per tutti salvo che per se stessi. Insomma, un paese cinico e sentimentale, che ogni giorno fa finta di credere esattamente in ciò che più detesta.

Note su Giorgio Bocca

Giorgio Bocca è nato a Cuneo il 28 agosto 1920. Entrambi i suoi genitori erano insegnanti. Durante la giovinezza partecipa attivamente alla politica del paese. A 18 anni si iscrive al PNF, il Partito Nazionale Fascista e, quando si immatricola alla facoltà di Giurisprudenza presso l’Università di Torino, aderisce al Guf (Gruppo Universitario Fascista). Allo scoppio della guerra, si arruola nel corpo degli Alpini in qualità di allievo ufficiale. Sul finire della guerra aderisce alla lotta partigiana e diventa Comandante della decima divisione Giustizia e Libertà. Giorgio Bocca ha iniziato la carriera da giornalista giovanissimo, lavorando in un primo momento per periodici a diffusione locale. Terminata la guerra inizia a collaborare con L’Europeo, per poi approdare, durante gli anni Sessanta, alla redazione de Il Giorno, diretto da Italo Pietra. Qui si afferma come inviato speciale grazie ad alcune inchieste sulla realtà italiana. Nel 1976 è uno dei fondatori, assieme a Scalfari, del quotidiano la Repubblica. Accanto alla collaborazione con il quotidiano appena nato, affianca il lavoro per il settimanale L’Espresso, dove cura la rubrica “L’antitaliano”. Durante gli anni Ottanta e Novanta, si occupa anche di giornalismo televisivo, ideando e conducendo alcune trasmissioni delle reti Fininvest. Nella sua lunga carriera, Giorgio Bocca si è dedicato anche all’attività di scrittore, concentra dosi principalmente su opere relative ad aspetti sociali, storici e politici dell’Italia. E’ morto a Milano il 25 dicembre 2011.
 

Altri utenti hanno acquistato anche: