€ 10.20€ 12.00
    Risparmi: € 1.80 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
L' isola dell'angelo caduto

L' isola dell'angelo caduto

di Carlo Lucarelli

4.5

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Einaudi. Stile libero
  • Data di Pubblicazione: giugno 2009
  • EAN: 9788806200275
  • ISBN: 8806200275
  • Pagine: 219
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi
Gennaio 1925. Mentre il Duce si assume alla Camera la responsabilità del delitto Matteotti, su una sperduta isola italiana, sede di una Colonia penale per delinquenti comuni e prigionieri politici, viene trovato il cadavere di una camicia nera. A indagare su questa morte, e su quelle che seguiranno, è chiamato un giovane commissario senza illusioni, né fascista né antifascista, un piccolo malinconico eroe involontario. Ha una moglie resa folle dalla tristezza, dalla solitudine e dagli influssi malefici che aleggiano sull'isola. Che sembra intanto sprofondare in una sorta di incantesimo sempre più insondabile, tanto che forse, ormai, allontanarsi è dawero impossibile...

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.3 di 5 su 6 recensioni)

4.0Un noir intenso, 01-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un bel giallo per Lucarelli: perfetta l'ambientazione, con l'esterno, si caratterizza per la magia degli esperti venti orchestrali e conserva la chiave per far giungere il lettore alla conclusione. Un finale a sorpresa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Consigliato!!, 21-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Dall'inizio alla fine c'è un alone di mistero, sottolineato leggermente, che tiene inchiodati alla lettura.
I capitoli sono brevi ma di grande intensità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0L'isola dell'angelo caduto, 19-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Prima volta che leggevo qualcosa di Lucarelli. Molti mi avevano detto che alle volte eccede nelle parti a luci rosse, e in parte è vero (e fastidioso) . Però l'atmosfera ricostruita è sensazionale, i personaggi affiorano potenti dalle loro storie, peccato solamente che dopo 200 pagine di costruzione della storia, si risolva tutto, quasi in fretta in 15 pagine. Sono rimasto soddisfatto a metà, ma sicuramente leggerò altro di Lucarelli.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0L'isola dell'angelo caduto, 01-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Lucarelli è un maestro nel raccontare storie.
Sa creare delle atmosfere uniche.
Per le sue splendide descrizioni utilizza i colori, i sapori, i suoni, gli odori.
Leggere l'inizio del capitolo 14 per saggiarne la bontà.
I personaggi sono caratterizzati benissimo, si riescono a delineare perfettamente ed è come se li si vedesse dinnanzi a sè.
La storia è interessante e strutturata in modo che ci sia una lenta progressione che negli ultimi capitoli accellera per arrivare ad un ottimo finale.
Dall'inizio alla fine c'è un alone di mistero, sottolineato leggermente, che tiene inchiodati alla lettura.
I capitoli sono brevi ma di grande intensità.
Le parole non sono mai troppe nè poche.
Consigliatonissimo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Noir storico-cerebrale, 21-09-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Divorato... come si lasciano spolpare i noir di Lucarelli, con voracità.
L'ho trovato molto bello. Ha una prosa più ricercata rispetto agli altri libri di Lucarelli. Qui il torbido è intriso di trasgressione e oppressione. C'è un'isola coprotagonista di tutto il mistero e ancora una volta un assassino, nero come le tenebre insondabili della perversione umana.
Violenza esponenziale direi, implementata dalla scelta di un preciso clima storico: dalla marcia su Roma al delitto Matteotti. Tra le righe del thriller si affaccia così una colpa metastorica che segna la svolta nelle ombre del giallo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0avvincente e malinconico, 08-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Bellissimo, ho amato molto questo libro: ben scritto, lontano dallo stile narrativo del Lucarelli televisivo o di "Mistero in blu". E' ambientato durante il periodo fascista, su un'isola dimenticata, come se si trovasse in un universo parallelo e che diventa essa stessa un personaggio del romanzo. I protagonisti sono tutti prigionieri di quest'isola, dannati dall'isola, invischiati in un rapporto di amore o odio o sudditanza nei suoi confronti. Un giallo avvincente, personaggi che ti restano dentro, un'atmosfera di malinconica inevitabilità che ti avvolge. Lo consiglio vivamente!
Ritieni utile questa recensione? SI NO