Io, Tituba strega nera di Salem

Io, Tituba strega nera di Salem

4.0

di Maryse Condé


  • Prezzo: € 8.26
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

In sintesi

La ''caccia alle streghe'' che nel 1692 sconvolse la comunità puritana di Salem è uno dei fatti salienti della storia e della cultura americane; solo oggi, per la prima volta, il romanzo storico di Maryse Condé narra la vicenda della schiava Tituba, unica donna nera coinvolta nei processi, portatrice di valori e tradizioni che turbavano i bianchi e perciò vittima della loro violenta ostilità.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Maryse Condé:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Suggestivo, non proprio convincente, 04-01-2012, ritenuta utile da 49 utenti su 53
di - leggi tutte le sue recensioni
Sul tema dei processi per stregoneria a Salem c'è una letteratura molto ricca, ed anche difforme. Ci voleva del coraggio per mettersi dalla parte di Tituba, schiava nera della famiglia del Reverendo Parris, che confessò senz'altro di essere una strega, avendone in cambio salva la vita.
Nella storia qui proposta, Tituba è una donna "diversa", che applica con naturalezza le arti della sua gente. Tituba ha un passato, accuratamente immaginato e descritto, avrà anche un futuro, perché uscirà dal carcere di Salem e si perderà nelle nebbie della Storia.
Ho apprezzato la formulazione proposta dal libro, le descrizioni psicologiche e le ambientazioni (l'inizio e la fine non si svolgono a Salem) , però esprimo qualche riserva sulla tesi per cui la strega sarebbe in certo senso superiore al processo. Nella tristissima vicenda di Salem, non poche furono le vittime e tutte o quasi morirono perché rifiutarono la via della confessione falsa che le avrebbe sottratte al patibolo. Si può dimenticarlo, in nome di una morale diversa, di valori "altri"? Secondo me no, e non penso fosse l'obiettivo dell'autrice. E il personaggio di Tituba rimane impresso, a conferma della difficoltà a sciogliere questi interrogativi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO