€ 9.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
L' inverno del nostro scontento

L' inverno del nostro scontento

di John Steinbeck

4.0

Fuori catalogo - Non ordinabile

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di John Steinbeck:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 4 recensioni)

5.0Una storia attuale, 09-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro denso, ricco di pensieri e di personaggi magistralmente descritti. Le piccole miserie umane, l'influenza negativa del denaro e dell'arrivismo che arrivano inaspettate all'interno di una famiglia stimata dalla comunità. Steinbeck è uno scrittore che conosce l'animo umano e lo seziona con lucidità. Ferisce i personaggi, ma alla fine lascia una speranza. Una profonda speranza che le cose possono anche cambiare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0L'inverno del nostro scontento, 21-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Steinbeck si focalizza questa volta sulla vita del commeesso Ethan, deluso e amareggiato e perenemente sconfitto. Ma sarà proprio il suo riscatto, la sua vittoria a fargli pagare il prezzo più alto e a far aleggiare nell'aria la semplice quanto lapidaria domanda: ne valeva la pena?
Da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0L'inverno del nostro scontento, 30-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni

Triste e disperato, il destino di una vita onesta si scontra col ricordo di radici fatte di fatica e di sofferenza. Unico spiraglio alla mediocrità appare allora il salto rischioso verso un riscatto fatto di desiderio di potere mascherato da felicità.
Troppo facile per poter essere lo sbocco di un'infelicità connaturata all'uomo stesso.
Nessun sole per quanto luminoso può con kla sua sola presenza illusoria riscaldare il gelo di una vita mediocre.

Una menzione particolare per il titolo: semplicemente meraviglioso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Il tutto e sùbito del nostro scontento, 08-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Stiamo perdendo il tempo dell'attesa che è anche il tempo del desiderio. La logica del "tutto e subito" azzera la tensione verso la conquista che poi è ciò che dà valore a quel che si desidera. Questo ai giovani non vien detto, sono spinti dal consumismo ad essere impazienti.
In quest'opera si esalta la lungimiranza di Steinbeck che già nel 1961 raffigura un americano medio, insoddisfatto per la vita che fa e influenzato dal mito americano del successo, il quale vuole conquistare la ricchezza e la felicità. Il titolo è l'incipit di un monologo del Riccardo III di Shakespeare.
Tuttavia a mio parere si colloca su qualche gradino più in basso rispetto ad un capolavoro del calibro di "Furore".
Ritieni utile questa recensione? SI NO