€ 13.69
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Introduzione al pensiero complesso. Gli strumenti per affrontare la sfida della complessità

Introduzione al pensiero complesso. Gli strumenti per affrontare la sfida della complessità

di Edgar Morin


Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Sperling & Kupfer
  • Collana: Scienza
  • Edizione: 2
  • Traduttore: Corbani M.
  • Data di Pubblicazione: 1993
  • EAN: 9788820015206
  • ISBN: 882001520X
  • Pagine: 128
Complessità è una parola che esprime la nostra confusione, il nostro imbarazzo, la nostra difficoltà nel definire in modo semplice il mondo contemporaneo. Se la complessità è la sfida da affrontare, il pensiero complesso ci aiuta ad affrontarla e spesso a vincerla. Proprio per affron- tare questi cambiamenti l'autore offre una sintesi divulgativa del pensiero complesso, di cui è il fondatore.

Note su Edgar Morin

Edgar Nahoum, noto come Edgar Morin, è nato l’8 luglio del 1921 a Parigi. Di origini ebraiche, suo padre era un commerciante di Salonicco. Figlio unico, Edgar è rimasto orfano di madre all’età di dieci anni. Fin da ragazzo, tra i numerosi interessi che coltivava, spiccava la sua passione per la filosofia. Socialista, allo scoppio della seconda guerra mondiale fugge dalla Francia e si rifugia a Tolosa, dove approfondisce il marxismo. Nel 1942 entra nella resistenza, dove adotta il nome di battaglia Morin. Durante questa esperienza conosce Francois Mitterand. Dopo aver preso parte alla liberazione di Parigi nel 1944, l’anno successivo si sposa con Violette Chapellaubeau. In seguito la coppia si trasferisce a Landau. Dopo la guerra Morin continua la carriera militare e diventa capo dell’Ufficio Propaganda del governo militare francese. Tornato a Parigi nel 1946, lascia l’esercito e continua l’attività politica nel partito comunista, ma nel 1951 viene espulso a causa delle sue idee staliniste. Negli anni Cinquanta inizia a svolgere ricerche di antropologia sociale presso il Centro Nazionale della Ricerca Scientifica, dove diventa direttore del Centre de communication de masse. I suoi studi danno vita a “Metamorphose de Plozevet”, un saggio di etnologia. Appassionato di cinema, aderisce al surrealismo. Dal 1954 al 1962, su ispirazione della rivista italiana Argomenti, di Franco Fortini, fonda e dirige la rivista Argumentos. Durante gli anni Sessanta viaggia molto, in particolare in America latina. Nel 1967 ha fondato la rivista Communications. Nel 1968 è presso l’Università di Nanterre, dove sostituisce Henri Lefébvre. Segue le rivolte studentesche del ’68 , sulle quali scrive alcuni articoli pubblicati da Le Monde. Nel 1969 è al Salk Institute di La Jolla, in California. Qui approfondisce le scoperte nel campo della genetica e del DNA e si appassionate di cibernetica e di teorie dell’informazione. Nel 1983 pubblica “De la nature de l’URSS”, volume in cui analizza il comunismo sovietico. Edgar Morin nelle sue numerose opere ha trattato argomenti di diversa natura.

Altri utenti hanno acquistato anche: